Antillo. Dopo mezzo secolo una donna in Giunta

ANTILLO – Dopo mezzo secolo la Giunta comunale di Antillo torna a tingersi di rosa: era dalla metà degli anni 50, sindaco l’ing. Vittorio Mastrojeni, che nell’esecutivo non era presente una esponente del “gentil sesso”. Infatti, il sindaco di Antillo, Antonio Di Ciuccio, ha provveduto, con apposita determina, alla nomina della giovane Emanuela Lo Giudice, alla carica di assessore comunale in sostituzione del dimissionario Antonio Santoro che lascia l’incarico per motivi personali e che – come si ricorderà – aveva preso il posto del compianto Antonio Bongiorno, scomparso prematuramente mentre, sul monte Pizzo Vernà, stava svolgendo la propria attività lavorativa nel servizio antincendio della Forestale.
Emanuela Lo Giudice, ventisette anni di Antillo, laureanda in Scienze Politiche all’Università di Messina, militante del Partito Democratico, nonostante la giovane età è già una veterana della vita politica antillese tanto da aver contribuito nelle elezioni amministrative del 2002 alla vittoria della lista capeggiata dal sindaco Antonio Di Ciuccio, ottenendo l’elezione nel civico consesso dove ricopriva la carica di capogruppo di maggioranza.
Ora giunge questo prestigioso ed oneroso incarico per la neo-assessore che gli consentirà di mettere a disposizione della collettività il suo giovanile entusiasmo con l’esclusiva finalità di contribuire al progresso sociale e civile di Antillo.
Il sindaco Antonio Di Ciuccio dopo aver ringraziato l’assessore uscente Antonio Santoro per l’impegno e la dedizione profusi in questi mesi di attività a beneficio della collettività, si è detto convinto che: “Emanuela Lo Giudice è la figura adatta a ricoprire questo ruolo in giunta la quale può così continuare a lavorare con immutato entusiasmo per contribuire alla crescita economica e sociale della comunità antillese”.

Leave a Response