Messina. Bomba disinnescata, in 5 mila rientrano a casa

MESSINA – Sono rientrati nelle loro case poco prima delle 18 i cinquemila messinesi fatti evacuare per consentire agli artificieri dell’Esercito di disinnescare la bomba d’areo di 250 libre risalente alla seconda guerra mondiale ritrovata nei giorni scorsi durante gli scavi per la costruzione di un residence in via Samperi, all’incrocio con la vita la Farina, a un centinaio di metri dalla centrale stazione ferroviaria. Le operazioni di disinnesco erano iniziate questa mattina e si sono concluse nel tardo pomeriggio. L’operazione di allontanamento degli abitanti dalla vasta area ritenuta rischio era iniziata alle prime luci di questa mattina. A pianificare lo sgombero Prefettura, Comune e Protezione civile. Impegnate forze dell’ordine e associazioni di volontariato per agevolare l’evacuazione e poi il rientro. Tutto è filato liscio. Solo qualche disagio e niente più.

Leave a Response