Taormina. Verifica in vista per la Giunta Passalacqua

TAORMINA – Il sindaco di Taormina, Mauro Passalacqua, avvierà una sorta di indagine conoscitiva per verificare gli obiettivi raggiunti dalla sua Giunta, durante i primi sei mesi d’attività. Il massimo rappresentante di Palazzo dei Giurati ha, infatti, chiesto ai suoi collaboratori più stretti un dettagliato resoconto che dovrà essere realizzato anche mediante supporti fotografici o computerizzati. Ogni assessore dovrà indicare quanto raggiunto nei vari campi di competenza e a che punto stanno alcune iniziative d’interesse generale della città.
Si tratta di un’azione annunciata tempo fa e che non mancherà di animare la discussione politica nelle prossime settimane. Non sarà certo stilata la classifica del più, o meno, bravo assessore ma, certamente, sarà importante percepire dove, eventualmente, c’è qualcosa che non va e, dunque, si prenderanno le opportune valutazioni in merito. La Giunta è composta da: Giuseppe Calabrò (vicesindaco con delega a Sanità, Politiche del Lavoro e Servizio civile, Decentramento per le frazioni, Rapporti con l’Università); Vittorio Conti (Pubblica istruzione, Cultura, Politiche sociali e della Terza età, Politiche giovanili, Associazionismo sociale e culturale, Politiche dell’Integrazione e della Famiglia); Nunzio Corvaia (Commercio, Agricoltura e Artigianato, Urbanistica, Sportello unico per le Attività produttive, Sistema informativo territoriale, Sviluppo sostenibile, Finanziamenti e Programmi di sviluppo regionale, Sportello informatico dei cittadini); Fabio D’Urso (Politiche finanziarie, Bilancio, Contenzioso, Rapporti con società partecipate e controllate, Rapporti con il Consiglio comunale, Controllo di Gestione, Formazione professionale, Comunicazione); Italo Mennella (Turismo e Promozione turistica, Sviluppo economico, Verde pubblico e Arredo urbano, Sport e Spettacolo, Piano strategico e innovazione turistica, Marketing territoriale, memoria e Archivio storico); Marcello Muscolino (Lavori pubblici, Aree manutentive, Servizi cimiteriali, Demanio, Politiche abitative, Grandi opere, Finanziamenti e Programmi dell’Unione europea); Dino Papale (Polizia urbana, Viabilità, Ecologia e Igiene, Protezione civile, Servizi informatici, Politiche per l’Energia, Risorse idriche, Ciclo dei rifiuti e qualità dell’Ambiente, Autoparco).
Una sorta di prova del nove, alla quale sono attesi i responsabili del governo cittadino nei campi di rispettiva competenza.

Leave a Response