Giardini. Terapia del dolore, specialisti a confronto

GIARDINI NAXOS (Messina) – “Ziconotide nel dolore cronico complesso: indicazioni, casi clinici, risultati e prospettive”: questa il tema del convegno organizzato dall’Unità operativa di Anestesia-Rianimazione e Terapia del dolore dell’ospedale “S. Vincenzo” di Taormina, diretta dal prof. Filippo Bellinghieri. Il corso, che vanta il patronicio della Regione Sicilia, dell’Ausl 5, della Fondazione Isal e della Federdolore, si svolgerà sabato prossimo presso la sala conferenze del Russott Hotel di Giardini Naxos. L’importante evento scientifico è riservato a 105 partecipanti (75 medici e 30 infermieri professionali dell’Azienda Usl n.5 di Messina) e vedrà la presenza, tra i relatori, dei più importanti esperti italiani del settore. Il dolore cronico neuropatico rappresenta una realtà di grande impatto epidemiologico che interessa sia i pazienti oncologici sia i pazienti affetti da dolore cronico degenerativo. I trattamenti farmacologici conservativi, pur avendo mostrato negli anni un significativo profilo di sicurezza clinica ed efficacia, non sono in grado di offrire un’analgesia soddisfacente, soprattutto nei casi di elevata complessità. L’ultima frontiera per il trattamento del dolore cronico complesso è oggi rappresentata dalla terapia intratecale, che si avvale di nuovi ritrovati, come il calcio antagonista ziconotide. La terapia del dolore è una necessità prioritaria per i pazienti, un obbligo morale e professionale per i medici, un motivo di mobilitazione e impegno della società intera. L’obiettivo del corso è quello di aggiornare medici e infermieri sulla gestione clinica dei pazienti affetti da sindromi dolorose complesse, ma anche sostenere la diffusione di una nuova cultura specifica. Una cultura comune capace di rispondere, in maniera sempre più adeguata, alle esigenze professionali e di soddisfare il bisogno diffuso di costruire una comunità scientifica coesa e disponibile a progettare il proprio sviluppo. I lavori del corso saranno aperti, tra gli altri, dal vicepresidente dell’Ars, Santi Formica, dal sindaco di Taormina, Mauro Passalacqua, dal direttore generale dell’Ausl 5, Salvatore Furnari, e dal direttore sanitario del presidio ospedaliero di Taormina, Francesco Catalfamo.

Leave a Response