Messina. Omicidio Naselli, chiesta revisione processo

MESSINA – Depositata oggi al tribunale di Reggio Calabria la richiesta di revisione del processo a Franco Bellinghieri, 47 anni, gestore a Messina della casa di riposo per anziani  ‘’Santa Marta’’ condannato all’ergastolo per la morte del medico chirurgo Domenico Naselli, ucciso a Messina il 22 febbraio del 1990. Naselli conduceva la vita come un barbone ma che lasciò una eredità da decine di miliardi di lire proprio al suo presunto assassino. Bellingheri fu condannato all’ergastolo, in qualità di mandante del delitto. Stando all’accusa il movente del delitto fu economico: Naselli lasciò un patrimonio di circa 20 miliardi di lire che finirono nella mani di Bellingheri che era riuscito a carpire l’ amicizia del medico dal quale si era fatto nominare erede universale. 

Leave a Response