Conferenza permamente programmazione sanitaria

PALERMO – “Dopo l’apprezzamento espresso oggi dalla commissione sanità, la “conferenza permanente per la programmazione sanitaria e socio-sanitaria regionale” si avvia finalmente a svolgere i suoi importanti compiti istituzionali. Con questo provvedimento colmeremo un vuoto storico, considerato che l’organismo nasce con oltre 16 anni di ritardo rispetto alla previsione nazionale”.
L’assessore regionale alla Sanità, Massimo Russo, commenta così l’importante risultato maturato oggi davanti alla sesta commissione dell’Assemblea regionale che era chiamata ad esprimere un parere sul decreto che riguarda le modalità di funzionamento della “conferenza permanente” che è stata recentemente istituita con legge regionale.
La prima riunione avverrà entro 30 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto presidenziale di costituzione della conferenza permanente.
“Abbiamo esaminato il decreto – ha aggiunto Russo – in un clima di grande collaborazione apportando utili modifiche. Adesso, in linea con quanto avevo affermato ad inizio del mio mandato, sulle più importanti tematiche della sanità sarà davvero possibile una reale partecipazione delle autonomie locali che dovranno dare un concreto contributo in termini di idee e di suggerimenti”.
La “Conferenza permanente per la programmazione sanitaria e socio-sanitaria regionale”, istituita con legge regionale del 9 ottobre 2008, n. 10, è un organismo rappresentativo delle autonomie locali con specifiche competenze consultive sia nell’ambito della programmazione sanitaria, sia nei procedimenti di valutazione e di revoca dei direttori generali delle Ausl e delle Aziende ospedaliere.
Sarà composta dall’assessore regionale alla Sanità e da quello alla Famiglia e alle Politiche sociali; dai presidenti delle conferenze dei sindaci dei comuni ricompresi nell’ambito territoriale delle Ausl; da un rappresentante dell’Anci (associazione dei comuni) e uno dell’Urps (unione delle province). La partecipazione alle sedute della Conferenza è a titolo gratuito.
Tra i compiti della “conferenza permanente” c’è quello di esprimere parere obbligatorio sul progetto del Piano sanitario regionale e sui programmi regionali di edilizia sanitaria e dotazioni tecnologiche, connessi con l’attuazione del Piano sanitario regionale. La conferenza, inoltre, partecipa alla verifica della realizzazione dei piani attuativi locali delle Aziende ospedaliere.
Sempre oggi in commissione sanità è cominciato l’esame del decreto di rimodulazione della rete pubblica dei laboratori d’analisi che è già stato validato dal Ministero. L‘esame proseguirà martedì prossimo.

Leave a Response