Messina. L’on. Briguglio, stilettate ai politici locali

MESSINA – L’on. Carmelo Briguglio, vicecapogruppo del Pdl alla Camera, nel corso di un incontro con dirigenti e amministratori locali per inaugurare il nuovo anno politico della sua corrente, non ha risparmiato ”rimproveri” alla classe dirigente politica di Messina, compresa quella parte che governa Comune e Provincia assieme al Pdl. Il deputato di Furci Siculo non li manda a dire. Ha iniziato l’intervento prendendo spunto dalle manifestazioni del centenario del terremoto, ”degradate a livello locale con una parata di protezione civile”. Il deputato del Pdl ha poi rimproverato agli organizzatori e ai politici che la ”città avrebbe meritato un evento di grande spessore. Sarebbe stato sufficiente – ha detto Briguglio – chiedere collaborazione” .
Stiilettate anche sugli alleati. «Il governo delle amministrazioni provinciale e comunale – ha rilevato Briguglio –  sono espressione di una classe politica non all’altezza dei problemi del territorio perché manca la credibilità degli uomini e senza di essa le istituzioni non possono fare fronte e risolvere i problemi.  La Provincia è bloccata – ha evidenziato l’on. Briguglio –  da un presidente su cui gravano accuse molto gravi che impediscono serie progettualità e la capacità di guardare al futuro. Pur nella presunzione della non colpevolezza fino a quando non sarà emesso un giudizio, la politica deve sapere anticipare la magistratura quando sono in gioco gli interessi dei cittadini di un’intera provincia. Il presidente Nanni Ricevuto chiarisca i fatti per i quali è accusato senza nascondersi dietro un garantismo strumentale, lo faccia pubblicamente e in modo convincente. Altrimenti si dimetta e si torni a votare. Esigere questo è un dovere della politica».
Sull’amministrazione del sindaco Giuseppe Buzzanca, l’on. Carmelo Briguglioe ha sottolineato che  ”il sindaco abbia il coraggio delle scelte che cittadini e elettori si attendono dal Pdl. Rimuova l’assessore Scoglio dalla giunta, un caso che mette piombo nelle ali della nuova amministrazione: potrà tornare se sarà prosciolto. Non si può continuare ad affidare un settore delicato come i lavori pubblici a chi intanto è al centro di un’indagine così delicata. Bisognerebbe dare segnali di sobrietà e contenimento delle spese e concentrarsi su quella spesa sociale che a Messina non ha impedito la vergogna dei due anziani morti nell’indifferenza e nell’assenza di uomini e servizi che avevano il dovere di provvedere e non hanno provveduto. Se ci sarà una inversione di marcia non mancherà la mia collaborazione attiva”. L’on. Carmelo Briguglio ha concluso il lungo intervento evidenziando la necessità che a Messina il Popolo della Libertà ”risponda alle attese ma per fare ciò è necessario dotarsi di una cultura di governo e di una classe dirigente attenta alle reali necessità della città, altrimenti rischiamo – ha chiuso Briguglio – di sprofondare ancor più nel baratro”.

 
 
 

Leave a Response