Messina. Eseguita autopsia su fratelli trovati morti

MESSINA – Non ha dato certezze l’esame autoptico eseguito ieri dal consulente tecnico nominato dal tribunale, sui corpi mummificati dei fratelli Francesco e Giovanni Di Giovanni, 66 e 60 anni, trovati morti la mattina del 31 dicembre scorso nella loro abitazione di via Gerobino Pilli, al rione Camaro di Messina. Il medio legale, a quanto è dato sapere, avrebbe stabilito in maniera approssimativa che Giovanni Di Giovanni possa essere morto 2-3 mesi prima del fratello Francesco. Il medico ha chiesto sessanta giorni di tempo per poter eseguire altri accertamenti. Il terzo fratello, Carmelo, 68 anni, che ha vegliato i cadaveri, si trova adesso ricoverato all’ospedale Piemonte per degli accertamenti psichiatrici per stabilire se l’uomo sia nelle piene facoltà mentali. L’uomo è accusato di occultamento di cadaveri, un’accusa dovuta da parte del magistrato che segue l’inchiesta.

Leave a Response