Messina. Coltivava marijuana in casa, arrestato dai Cc

MESSINA –  Giovanni Lombardo, 42 anni, è stato arrestato dai carabinieri di Messina con l’accusa di produzione e detenzione di sostanze stupefacenti. I militari dell’Arma hanno nell’abitazione dell’uomo, nel villaggio Fondo Fucile, 30 piante di marijuana che l’arrestato si era coltivato in casa. Lombardo aveva allestito una vera e propria serra, dotata financo di un impianto di climatizzazione e umidificazione al fine di creare un habitat idoneo per lo sviluppo delle piante. Il complicato sistema di filtraggio dell’aria e di riscaldamento era basato su lampade ad alta potenza e veniva gestito tramite un apparecchio digitale di controllo della temperatura e dell’umidità. Non mancavano poi fertilizzanti e antiparassitari. Inoltre, in un armadio situato nella camera da letto sono stati rinvenuti 30 petardi pirotecnici confezionati artigianalmente e, per questo, ritenuti particolarmente pericolosi. Nemmeno la sicurezza era stata lasciata al caso:  i carabinieri. infatti, hanno scoperto un monitor collegato a tre microtelecamere esterne che riprendevano il perimetro dell’appartamento, consentendo così a Giovanni Lombardo di controllare ogni movimento sospetto nei paraggi.
I carabinieri della Compagnia di Messina sud, invece, hanno arrestato Adriano Immormino, 36 anni, soggetto al regime degli arresti domiciliari. L’uomo è stato intercettato fuori dalla propria abitazione. Sarà giudicato col rito direttissimo.

Leave a Response