Messina. Uno slargo intitolato ai Cavalieri di Malta

MESSINA – Domani martedì 30, alle 10.30, il sindaco di Messina, on. Giuseppe Buzzanca, presenti l’assessore all’arredo urbano, Elvira Amata ed il delegato dell’Ordine di Malta, Carlo Marullo, ufficializzerà con la scopertura di una targa, l’intestazione toponomastica del largo compreso tra il viale Europa e la via Catania, all’Ospedale dei Cavalieri di Malta, in ricordo del nosocomio che i Cavalieri installarono e gestirono in occasione del disastroso terremoto del 1908 e che poi donarono al Comune di Messina. Il terremoto del 1908, nonostante le difficoltà contingenti dell’Ordine di Malta, segnò proprio a Messina la ripresa della sua attività assistenziale. L’Ordine infatti, attivò immediatamente sulla banchina del porto un forno per la distribuzione del pane, e soprattutto inviò a Messina la “Baracca Ospedale”, che fu posizionata nell’area di via Santa Cecilia poi occupata dalle Officine Elettriche, appena 10 giorni dopo il disastro. Poiché anche l’Ospedale Militare era crollato, successivamente uno dei padiglioni “in tela e tavole” dell’Ospedale dell’Ordine venne messo a disposizione dell’esercito. In seguito tutto il complesso ospedaliero venne donato al Comune. Per l’opera prestata il Re d’Italia assegnò 51 onorificenze e nel 1919, all’atto della costituzione delle Delegazioni dell’Ordine, a Messina venne costituita la delegazione per la Sicilia orientale, di quello che ormai viene comunemente chiamato Sovrano Militare Ordine di Malta. La presenza a Messina dei Cavalieri Giovanniti, oggi “di Malta”, è continuata ininterrottamente da nove secoli, rimanendo sempre fedele al motto Tuitio fidei e obsequium pauperum.

 

Leave a Response