L’arcivescovo: “Non smarriamo speranza e fiducia”

MESSINA. (Il messaggio integrale, nel Tg90 del 24 dicembre 2008) “Non smarriamo la speranza e la fiducia. Non venga meno la solidarietà”. Con queste parole l’arcivescovo di Messina, mons. Calogero La Piana, ha iniziato il discorso augurale, alla diocesi in occasione del Natale. Il primo pensiero è stato rivolto al disastroso evento del terremoto che nel 1908 distrusse Messina, del quale si celebra quest’anno il centenario e all’alluvione che ha messo in ginocchio la costa tirrenica della provincia messinese. Poi i riflettori sono stati puntati sul “dramma della precarietà, dell’incertezza e della perdita del lavoro”. L’arcivescovo ha voluto unire il suo “grido con coloro che invocano assistenza e chiedono di non essere abbandonati da chi ha il dovere di intervenire”. A loro ha “espresso piena solidarietà auspicando risposte concrete dalle istituzioni preposte a garantire i diritti degli uomini e a farsi carico dei poveri e degli emarginati”. Il presule ha quindi colto lo sguardo attorno alla “crisi economica mondiale, alla recessione, all’offuscamento dei genuini valori umani e al crollo di tante certezze”. Non è mancato il riferimento “agli scandali per illegalità e immoralità”.  Ai fedeli della diocesi, mons. La Piana, ha ricordato che “il mistero del Natale ci indica la via della semplicità, della rinuncia e della sobrietà. Gesù ci chiede di essere luce per gli altri. Risplenda la vostra luce”. L’intero discorso dell’arcivescovo ha avuto un preciso motivo conduttore: la dignità dell’uomo sopra ogni cosa: “Non venga meno la solidarietà che sempre ha caratterizzato la nostra gente nei momenti tristi e calamitosi”.

Leave a Response