Messina. Arrestato dopo rapina in un supermercato

MESSINA – I carabinieri del nucleo Nucleo Radiomobile di Messina hanno tratto in arresto Daniele Cardile, nato a Messina, 27 anni, perché ritenuto responsabile di rapina aggravata in concorso in danno di supermercato della catena “Quì Conviene” ubicato nella via La Farina a Messina. Poco prima delle 19 tre uomini armati di pistola e con il volto travisato facevano irruzione all’interno dell’esercizio commerciale e riuscivano a farsi consegnare da un addetto alle casse la somma contante di 900,00 euro circa. Nel frattempo l’addetto alla vigilanza si poneva all’inseguimento di uno dei rapinatori riuscendo a bloccarlo, dando tempestivamente l’allarme al 112 Pronto Intervento Carabinieri. Una gazzella del Nucleo Radiomobile, tempestivamente attivata dalla Centrale Operativa di Messina ha poi proceduto all’arresto di Cardile nei pressi di Villa Dante dove quest’ultimo era stato raggiunto dall’addetto alla sicurezza del supermercato che lo aveva bloccato. Sono invece riusciti a dileguarsi, facendo perdere le proprie tracce, gli altri due complici di Cardile che nel corso della perquisizione personale veniva trovato in possesso di parte della somma precedentemente rapinata e, con l’accusa di rapina aggravata in concorso, veniva tratto in arresto e condotto presso la Casa Circondariale di Messina Gazzi a disposizione dell’Ag.  
Un altro arresto, infine, ad opera dei carabinieri della Compagnia Messina sud in esecuzione di ordine di carcerazione per rapina in concorso e detenzione illegale di armi da fuoco. A finire con le manette ai polsi Pietro Coppolino, 25 anni, nato a Messina, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Reggio Calabria. COppolino è stato tratto in arresto a seguito del provvedimento di esecuzione della pena di anni 3 e mesi 2 di reclusione per rapina in concorso e detenzione illegale di armi da fuoco. I reati contestati a Coppolino risalgono  al 2003.

Leave a Response