S. Teresa. Alunni dell’Elementare ancora al freddo

S. TERESA – Continuano i disagi per bambini, insegnanti e personale della scuola elementare “Muscolino” di S. Teresa. Nonostante le proteste dei genitori, infatti, l’impianto di riscaldamento non è stato ancora attivato. Oggi in redazione ci è giunta una nuova lettera di protesta da parte di un genitore. Lettera che fa il paio con quella inviataci una settimana addietro da un altro genitore. “Mia figlia di 7 anni – spiega il sig. Francesco Baudo – frequenta la 2. elementare della scuola centro di S. Teresa per una settimana è stata a casa con febbre alta e tosse più altri 7 giorni di convalescenza per un totale di 15 giorni di assenza. Oggi, due giorni dopo il suo rientro a scuola – continua il genitore – sono andato a prenderla e ho notato subito che aveva un aspetto strano. Ho chiesto cosa avesse e mi ha risposto che a scuola era stata male, che aveva mal di testa e sentiva freddo. Ho toccato la bambina – continua il sig. Baudo – ed era un blocco di ghiaccio. Le ho chiesto se in classe c’era freddo e mi ha risposto di sì, e che è dovuta stare tutta la mattina col cappello e col giubbotto. Tornato a casa – spiega ancora il genitore – ho parlato con la dirigente, protestando per la situazione, ma mi è stato risposto che tutti i giorni continua a chiamare il sindaco di S. Teresa per l’attivazione dei termosifoni ma senza avere ancora risultati”. A corredo della sua lettera il sig. Baudo ci ha portato anche i certificati medici del pediatra che ha in cura la bambina, che oggi ha nuovamente la febbre molto alta. Esasperato il genitore chiede adesso che il sindaco si attivi per risolvere al più presto una situazione ormai insostenibile. “Si accenda il riscaldamento o si chiuda la scuola”: è questo il suo amaro sfogo. Da parte nostra auspichiamo una rapida soluzione della vicenda.

Leave a Response