Messina. Università, in pensione con 40 anni di anzianità

MESSINA – L’Università di Messina risolverà il rapporto di lavoro con 46 dipendenti (29 presso l’Azienda Ospedaliera G. Martino e 17 presso il Rettorato) che matureranno entro il 31 dicembre del 2008 oltre 40 anni di effettivo servizio. Altri dipendenti verranno messi in quiescenza nei prossimi mesi appena matureranno i 40 anni di contributi.
La decisione è stata presa dal Consiglio di Amministrazione dopo una relazione del direttore Amministrativo Avv. Cardile che, in particolare, ha parlato della necessità di mantenere in pareggio il bilancio dell’Ateneo; il provvedimento è necessario al fine di attenuare gli effetti della prevista diminuzione del FFO e tenere sotto controllo la programmazione delle uscite utilizzando, ove possibile, gli strumenti previsti dall’art. 72 delle legge 133/08.
Questo primo provvedimento è stato approvato nel quadro delle “Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria” che prevede che il dipendente che abbia maturato l’anzianità massima contributiva di 40 anni può essere oggetto, da parte dell’Amministrazione di appartenenza, della risoluzione del rapporto di lavoro, previo preavviso di sei mesi.
La risoluzione del rapporto per i primi 46 dipendenti avverrà dal 1° luglio 2009.

 

Leave a Response