Messina. PdCI: ”Gestione baronale dell’Università”

MESSINA –  Il segretario del PdCI sicilia, Salvatore Petrucci, ha diffuso una nota stampa nella quale si sofferma sulle vicende che vedono al centro dell’attenzione dei media e non solo l’Università di Messina.
”I fatti dell’Università di Messina, denunciati dalla locale federazione del PdCI – si legge nella nota – si collocano nell’ampio quadro di destrutturazione etica nel quale vive il Paese. Concorsopoli è sintomo di un potere distorto, utilizzato per interessi famigliari e di clan, che vanifica, di fatto, sia il principio di eguaglianza sul quale poggia la Repubblica, sia il principio di buona amministrazione che legittima i pubblici poteri. La gestione baronale dell’università – sostiene Petrucci –  perpetra quello che un eminente docente di diritto penale, ha definito doloso furto di futuro. La corruzione diffusa è come un fiume carsico che erode le fondamenta della convivenza civile e accumula micidiali detriti che portano all’asfissia della democrazia. Certa politica – prosegue Petrucci –  anziché dare sponda alla giusta protesta, alle denunce, alla indignazione; invece di agevolare il processo di formazione di una opinione pubblica correttamente informata e consapevole, è interessata a sbarrare ogni possibile forza di dissenso, a richiudersi a riccio soprattutto verso quelle forze politiche che intendono la questione morale, già sollevata da Enrico Berlinguer, come questione strutturale per le libertà e la democrazia. Il PdCI siciliano – conclude la nota a firma del segretario regionale Petrucci – auspica che, nell’interesse generale, si possa scavare a fondo per accertare ogni tipo di illecito: impegna tutti i suoi organismi nella lotta contro un neofeudalesimo che penalizza i saperi e la ricerca, compromettendo l’avvenire delle giovani generazioni”.

 

Leave a Response