Messina. Senatori del Pd chiedono sospensione del Rettore

MESSINA – I senatori Anna Finocchiaro, Benedetto Adragna, Costantino Garaffa, Giuseppe Lumia, Anna Serafini, Antonio Papania del Pd, hanno chiesto con una interrogazione urgente al ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini la sospensione dalle funzioni del rettore dell’Univerità di Messina Francesco Tomasello. Al ministro Gelmini viene chiesto “se intende costituirsi parte civile a tutela dell’immagine del sistema universitario e se intende sospendere cautelativamente dal servizio il rettore Tomasello, rinviato a giudizio per gravi ipotesi di reato, e già raggiunto dalla misura interdittiva della sospensione da ogni attività professionale disposta dal Gip. di Messina”.
I senatori del Pd, infine, ricordano nell’interrogazione, che “a seguito dell’accoglimento della richiesta formulata dalla Procura della Repubblica di Messina sono stati rinviati a giudizio il Rettore, docenti e personale amministrativo”
Pronta la reazione del rettore Francesco Tomassello in risposta al contenuto dell’interrogazione. In una nota diffusa alla stampa Tomasello fa rilevare: ”Affermazioni infamanti, ingenerose, ancora una volta frutto di una non corretta informazione e soprattutto gravemente offensive, quelle contenute nell’interrogazione presentata da alcuni senatori del Partito Democratico.  E’ fuorviante e pretestuoso che, nonostante i reiterati chiarimenti, continuino ad essermi attribuiti reati mai contestati e continui ad essere ritenuto responsabile di delitti per i quali il Gup di Messina ha già deciso con sentenza di “non luogo a procedere”.
” Sono certo – continua il rettore –  che rispetto ad una vicenda giudiziaria che mi vede coinvolto solo per una presunta interferenza, asseritamente esercitata in via mediata, su uno dei cinque componenti di una commissione esaminatrice, nella sede processuale propria riuscirò a dimostrare la mia estraneità, a dispetto di chi, per mero giustizialismo, pretende celebrare i processi sui media e nelle pubbliche piazze. Assicuro, per il resto, che il Ministro dell’Università – chiude Tomassello – è stato tenuto costantemente informato dell’evolversi della vicenda giudiziaria così come è doveroso”.

Leave a Response