Taormina. Concorso “Toscanini”, non assegnato primo premio

TAORMINA – Chiusura con polemiche per il “Concorso Internazionale di Direzione d’Orchestra Arturo Toscanini – Premio Giuseppe Sinopoli”, le cui finali si sono svolte a  Taormina nell’ambito della quarta edizione del Sinopoli Festival organizzato da Taormina Arte. La giuria ha infatti deciso di non assegnare il primo premio di 20 mila euro perché ha ritenuto i due finalisti non ancora maturi e non sufficientemente esperti per vincere l’ambito riconoscimento. La decisione della giuria non è stata accolta con entusiasmo dal pubblico.Tra i quattro direttori semifinalisti ne erano stati scelti due per la finale: Darrell Ang di Singapore e il venezuelano Carlos Izcaray, che si sono cimentati in due Sinfonie di Brahms, la n. 1 e la n. 4. Mentre la giuria presieduta da sir John Eliot Gardiner e composta da Paolo Arcà, Marianne Chen, Yoram David e Marco Tutino si ritirava per il verdetto, sul palco si assegnavano il Premio dell’Orchestra al venezuelano Carlos Izcaray e il Premio del Pubblico allo svedese Johannes Gustavsson, salutato da un’ovazione della platea.
La giuria ha deciso di assegnare soltanto il secondo premio al giovane direttore Darrell Ang, già vincitore di altri importanti concorsi. «Questo premio» ha detto sir Gardiner, «proprio per il prestigio dei due maestri ai quali è dedicato, richiede il massimo rigore nella valutazione. Faccio i complimenti della giuria a tutti i finalisti e sono certo che questa esperienza sarà loro utilissima. Di grande professionalità e qualità è stata anche la prova della Filarmonica Toscanini di Parma».
Nato a Singapore e non ancora trentenne, Ang ha studiato in Russia e in America e ha vinto recentemente il primo premio al Concorso Pedrotti di Trento (2006). Nel 2008-2009 sono previsti molti debutti alla guida di orchestre europee, mentre l’Orchestra Sinfonica di Singapore lo ha nominato «Giovane direttore associato», una carica creata appositamente per lui.
Oltre a questo evento internazionale, la quarta edizione del Festival Sinopoli sotto la direzione artistica di Sandro Cappelletto ha organizzato per la prima volta dal 1985 un convegno dei compositori italiani dal titolo Le vie del comporre, domani (a cura di Michele dall’Ongaro e Matteo d’Amico). Riunito per tre giorni, un folto gruppo di compositori ha dibattuto delle proprie esperienze, affrontando anche la grave situazione attuale delle istituzioni musicali italiane. A questo proposito è stato stilato un documento indirizzato al ministro Bondi in cui si chiede «un urgente intervento amministrativo e legislativo per evitare il collasso di un patrimonio della nostra identità nazionale».

Leave a Response