Messina. Tranvia, nuovo capolinea nella zona sud

MESSINA – E’ stato consegnato il nuovo capolinea sud che il Comune ha già trasferito all’Atm. L’assessore alla mobilità urbana, Melino Capone, a conclusione dell’iter ha confermato che entro un mese saranno effettuati i controlli dell’USTIF e subito dopo entrerà nella piena funzionalità con 10 vetture in linea ed un’attesa stimata di 7 minuti. La consegna odierna si inserisce nel programma del servizio intermodale che vedrà tra breve l’attivazione della metroferrovia da parte di RFI Trenitalia ed il possibile utilizzo del biglietto unico. L’intervento avviato lo scorso anno permetterà la realizzazione del nuovo capolinea sud della linea tranviaria di Messina con l’attestamento lungo la via E. Fermi. In concomitanza con la realizzazione del capolinea tranviario, verrà attivato a pieno il capolinea a servizio dell’ATM, per gli autobus, ottimizzando l’interscambio con la linea tranviaria. Il nuovo tracciato ha previsto, a partire dal termine dell’attuale linea tranviaria su via Bonino, 203,65 metri di binario semplice per entrambe le direzioni di marcia, tutti in rettilineo ad eccezione dei due raccordi circolari di collegamento tra la via Bonino e la via Fermi estesi, il raccordo destro 22.84 metri, con raggio di curvatura di 20 metri, ed il raccordo sinistro 27.41 metri con raggio di curvatura di 24 metri. Nel tratto rettilineo lungo la via Fermi, è installato il dispositivo di scambio delle vetture tranviarie costituito da 4 deviatoi completi di casse scambio ad ago elastico con cuori intercambiabili in acciaio monoblocco e sistema di radioazionamento; il dispositivo di scambio è esteso a 22,40 metri (lato dx) e 18,40 metri (lato sx). I tratti in rettilineo prima e dopo il dispositivo di scambio presentano, in entrambi i sensi di marcia, lunghezze superiori alla lunghezza massima delle vetture, consentendo quindi l’incarrozzamento delle vetture per il carico e scarico dei passeggeri. Il fine corsa dei binari è costituito da 2 paraurti metallici predisposti per l’ancoraggio a pavimento o mediante barre HILTI ancorati a pavimento con appositi dispositivi e verniciati con due mani di minio di piombo. L’area di attesa lato destro, dedicata al carico dei passeggeri in partenza con la tranvia, presenta una larghezza costante di 3 metri con lunghezza di 38,45 metri; al suo interno sono allocate 2 pensiline di attesa, con struttura in acciaio e copertura con lastre in policarbonato tipo “LEXAN”, un dispositivo di monitoraggio fermata e 3 panchine di attesa in acciaio e legno. Lungo il lato adiacente alla strada dedicata alla viabilità ordinaria, sono allocate ringhiere di protezione per i passeggeri in attesa, in acciaio inox, identiche a quelle già posizionate nelle altre fermate esistenti della linea tranviaria. L’area di attesa lato sinistro, dedicata sia alla discesa dei passeggeri del tram, sia agli utenti degli autobus, presenta una sagoma a dente di sega, per consentire il posteggio degli autobus, con larghezza minima di 2,80 metri e larghezza massima di 5,23 metri, e lunghezza di 67,23 metri; al suo interno sono allocate 5 pensiline con struttura in acciaio e copertura con lastre in policarbonato tipo “LEXAN” e 4 panchine di attesa in acciaio e legno. Le aree di attesa rispettano, per ciò che concerne le sovrastrutture, la normativa di sicurezza relativa alla distanza degli ostacoli fissi dal materiale rotabile (Norme UNI 7360/64), garantendo al contempo l’accesso ai portatori di handicap mediante apposite rampe, dimensionate a norma di legge per ciò che concerne la pendenza, l’estensione e gli spazi minimi di transito. Le aree di attesa e gli spazi interbinario sono rifiniti con pavimentazione decorativa stampata, costituita da piano di posa in conglomerato cementizio Rck 30 N/mmq armato con fibre sintetiche in nylon e rete. Il capolinea dedicato agli autobus ATM consente lo stazionamento di 12 autobus di cui 7 da 12 metri, uno da 10 e 4 da 8. Il piazzale di stazionamento degli autobus è totalmente dedicato al transito dei mezzi ATM, e consente agli stessi, che si muovono in unico senso di marcia, delle comode manovre di arrivo e partenza. Ai margini del piazzale, in adiacenza con il nuovo parcheggio, è allocato un locale prefabbricato adibito a locale servizi ATM, con annessi biglietteria e servizi igienici. Il locale prefabbricato, totalmente amovibile e poggiante su massetto in conglomerato di 15 centimetri di spessore, ricavato per escavazione di parte dell’attuale pavimentazione stradale, è costituito, come tutti i moderni chioschi prefabbricati adibiti a rivendita giornali, da struttura monolitica autoportante con profilati in lamiera elettrozincata, assemblati mediante saldatura con copertura piana impermeabilizzata, pareti interne in doppia lamiera di acciaio elettrozincato da 2 mm, con interposto materiale isolante, pareti esterne con zoccolatura in doppia lamiera coibentata, rivestita esternamente in pietra.

Leave a Response