Operazione carabinieri: tre arrestati, uno è di Alì Terme

I carabinieri della Compagnia di Messina Sud hanno arrestato due persone in esecuzione di due distinti provvedimenti emessi, rispettivamente, per “associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di stupefacenti ed estorsione” e “violenza sessuale aggravata ed atti osceni”. La prima operazione ha portato all’arresto di Gabriele Neroni, nato a Messina, 29 anni, in ottemperanza del provvedimento di custodia, emesso dalla Corte d’Appello di Messina, in quanto il giovane è stato riconosciuto colpevole di  “associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di stupefacenti ed estorsione”. Neroni dovrà scontare la pena di 2 anni, 5 mesi e 16 giorni di reclusione. Il reato contestato al giovane fu commesso a Messina nel 2000.
Subito dopo gli stessi militari dell’Arma hanno eseguito altro arresto, in esecuzione di ordinanza di custodia, di D.B.I., queste le sue iniziali, 38 anni di Alì Terme, in perché responsabile dei reati di “violenza sessuale aggravata ed atti osceni”. I reati contestati al all’uomo furono commessi a Messina tra il 2003 ed il 2004. L’uomo dovrà scontare la pena di 2 anni di reclusione presso il carcere di Messina Gazzi.
Un terzo arresto, infine, è stato effettuato dai carabinieri della Compagnia Messina centro. Eseguito un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Messina nei confronti di Vittorio Lisa, 37 anni. L’uomo è stato arrestato a seguito del provvedimento di esecuzione della pena residua di 9 mesi e 28 giorni di reclusione per reati inerenti la normativa sugli stupefacenti e la violazione degli obblighi derivanti dalla misura di prevenzione. Dopo la notifica del provvedimento Vittorio Lisa è stato associato al carcere di Messina Gazzi.

Leave a Response