Morabito: “No a chiusura ufficio postale a Misserio”

S. TERESA – Dopo l’interrogazione del consigliere di opposizione Vittorio Chillemi sulla paventata chiusura dell’ufficio postale di Misserio, anche il sindaco di S. Teresa, Alberto Morabito, è intervenuto sull’argomento inviando una nota ai vertici regionali e provinciali di Poste Italiane.
“Si apprende da continue segnalazioni pervenute a questo Comune da parte di numerosi cittadini – scrive Morabito – che l’Ufficio Postale di Misserio, frazione di S.Teresa di Riva, dovrebbe essere soppresso. L’ufficio rappresenta, invece, un servizio insostituibile per una grossa fetta di popolazione che risiede, oltre che in quella frazione, a Fautarì ed in altre località rurali notevolmente distanti dal centro urbano. Si chiede pertanto – continua il primo cittadino – di attivare tutti gli strumenti necessari per scongiurare la paventata chiusura dell’ufficio che, nel caso in cui la notizia venisse confermata, provocherebbe senza dubbio ulteriori enormi disagi ad una consistente fascia di popolazione, privandola di un servizio essenziale ed indispensabile per le fondamentali esigenze socio-economiche dell’intera comunità”.
Tra l’altro, particolare non secondario, da diversi mesi l’ufficio postale di Misserio è aperto soltanto a giorni alterni, causando non pochi disagi ai residenti. Intanto, nella battaglia per mantenere aperto lo sportello postale di Misserio sono scesi in campo pure i cittadini. Una nutrita raccolta di firme è stata infatti consegnata nei giorni scorsi al primo cittadino di S. Teresa, Alberto Morabito.

Leave a Response