L’Ars approva il Dpef. L’opposizione non partecipa al voto

PALERMO – L’Assemblea regionale siciliana, nella prima delle due sedute pomeridiane di ieri, ha approvato il documento di programmazione economica e finanziaria (DPEF) sulla base di un ordine del giorno presentato dai deputati della maggioranza di governo.
L’opposizione, come ha annunciato a Sala d’Ercole il presidente del PD Antonello Cracolici, non ha partecipato al voto né ha presentato un proprio ordine del giorno poiché giudica del tutto inadeguato il documento economico.
Agli intervenuti nel dibattito ha replicato l’assessore al bilancio Michele Cimino che ha riconfermato il giudizio positivo del governo della regione rispetto alle linee di politica economica e finanziaria tracciate nel documento.
Nella seconda seduta –alla presidenza si sono alternati il vicepresidente vicario Santi Formica e il presidente Francesco Cascio- è stato avviato l’esame del disegno di legge in sostegno dell’attività sportiva del gioco del golf.
La conferenza dei capigruppo, intanto, ha definito il programma dell’attività parlamentare e ha stabilito che l’Aula tornerà a riunirsi anche domani con all’ordine del giorno l’esame, oltre alle norme per il gioco del golf, di altri due disegni di legge: quello che prevede la riorganizzazione dei dipartimenti regionali e l’ordinamento del governo e dell’amministrazione della regione; quello per le cave.
È prevista anche la discussione unificata delle mozioni che riguardano i problemi della scuola siciliana e l’intitolazione dell’aeroporto di Comiso.
Per quanto riguarda l’attività delle commissioni parlamentari, i capigruppo hanno stabilito che esse si riuniranno da martedì 14 a giovedì 17 ottobre per esaminare numerosi disegni di legge che riguardano le materie di bilancio e contabilità, l’organizzazione dell’amministrazione regionale con particolare riferimento allo
snellimento e all’efficienza delle procedure, le disposizioni per la Fondazione Federico II, la composizione delle giunte e il contenimento della spesa pubblica, le norme per contrastare la criminalità organizzata, la disciplina degli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico di diritto pubblico, le misure urgenti per far fronte ai problemi della pesca in seguito all’aumento dei costi del carburante, la nuova normativa per le concessioni demaniali finalizzate alla realizzazione della portualità in Sicilia, le misure che tendono a modificare e a integrare la normativa per il settore forestale e i provvedimenti per il personale Italter e Sirap.
L’attività d’Aula riprenderà nel periodo compreso tra da martedì 21 e giovedì 23 ottobre per discutere i disegni di legge che intanto saranno stati licenziati dalle rispettive commissioni di merito.

Leave a Response