A rischio Pte di Letojanni, Fiumedinisi, Antillo, Scaletta

S. TERESA – Un contenzioso tra Regione e Sise, la società che gestisce personale e mezzi del “118”, ha messo in crisi il sistema del pronto soccorso siciliano. Alla conta dei fatti, da questa mattina non può essere più garantito il pagamento degli straordinari al personale. Nella zona jonica sono a rischio le postazioni di Letojanni, Fiumedinisi, Antillo e Scaletta Zanclea. Disagi sono avvertiti pure nel Pte di S. Teresa dove il servizio è garantito solo grazie ad una turnazione “forzata” dei medici e dei soccorritori. Protestano i sindacati che criticano anche i continui spostamenti di personale.
NEL TG90 DEL 6 OTTOBRE SERVIZIO E INTERVISTA AL RESPONSABILE PROVINCIALE DELLO SNAMI, DOTT. NINO GRILLO

Leave a Response