Taormina. Si costruiscono case, e il campo da golf?

TAORMINA – In diverse località siciliane si progettano o sarebbero in fase di realizzazione, strutture per il golf, lo sport che, si dice, è capace di far crescere gli arrivi turistici. Sono milioni gli appassionati, turisti a 4 e 5 stelle, che si spostano per tutto il mondo per visitare località e città e, contemporaneamente, cercare di far cadere, a colpi di mazza,  una pallina bianca in una buca scavata nel terreno. Un campo da golf, dicono gli esperti, è capace di far crescere il numero di visitatori e di  migliorare la qualità dell’offerta turistica. Insomma, un green (il campo verde per il golf) vorrebbe dire più vip e meno mordi e fuggi.
A Taormina, invece, dopo la battaglia politica ed amministrativa di due anni fa attorno ad una proposta di imprenditori privati, tutto pare essersi bloccato. Nessuno, ufficialmente, ha, recentemente, fornito informazioni sull’evoluzione del progetto per un campo a 18 buche da realizzare a Trappitello con annessi albergo e appartamenti. Sono iniziati i lavori? E’ vero che la ditta privata che ha ottenuto tutte le autorizzazioni necessarie, compreso l’avallo del Comune, ha iniziato a costruire gli appartamenti (la parte speculativa del progetto) ed ha rinviato, a data da destinare, la realizzazione del campo da golf (la parte del progetto che interessa di più alla città ed al suo apparato turistico)? 
Mentre a Taormina ci s’interroga su questi fatti, in altre parti della Sicilia si pensa (almeno così pare) a fatti concreti. Nel giugno 2009, per esempio, a Sciacca,  il Verdura Golf Resort di Rocco Forte aprirà i battenti. I lavori iniziati nell’inverno 2005 sono stati interrotti più volte a causa di un contenzioso che ha bloccato il completamento del campo da golf. Adesso, però, la realizzazione del complesso sta andando avanti senza intoppi.
Le ultimissime notizie in questo settore, riferiscono che dopo il gruppo “Rocco Forte” anche “Italia Turismo” punta ad aprire un Golf Resort a Sciacca. Il complesso dovrebbe sorgere in contrada Monterotondo e sui circa 130 ettari di terreno saranno costruiti un hotel 4 stelle e un residence per un totale di 520 camere, un hotel 5 stelle da 600 camere, un campo da golf di almeno 18 buche, un centro benessere, un fitness center, un centro congressi multifunzionale, campi sportivi e piscine. Per il progetto Invitalia ha stanziato 70 milioni di euro tramite la controllata Italia Turismo. Quello di Sciacca è il progetto più grande che Italia Turismo realizzerà. Gli altri due progetti riguardano la realizzazione di analoghe strutture a Simeri e Sibari in Calabria.
E Taormina? E’ vero che è rimasta ferma al palo?

Leave a Response