Casinò, Francilia propone mozione al Consiglio provinciale

MESSINA – Il capogruppo consiliare de “Il Centro con D’Alia”, Matteo Francilia, è il primo firmatario di una mozione che sarà discussa, a breve, in Consiglio Provinciale. L’atto ispettivo, in esame, è inerente il Casinò Municipale di Taormina e la conseguente richiesta di impegno da parte del presidente della Provincia, on. Nanni Ricevuto, a svolgere ogni attività affinché il Parlamento Italiano e l’Assemblea Regionale Siciliana, per quanto di rispettiva competenza,  provvedano all’emanazione di una legge organica per la disciplina del diritto all’esercizio delle attività delle case da gioco. “La Sicilia” – ha dichiarato il consigliere Francilia – “ha diritto a  propri casinò, il primo dei quali deve essere la riapertura di quello di Taormina”. “E’ inaccettabile” – ha continuato Francilia – “la vociferata proposta indecente di un mini-casinò che non disporrebbe, né di croupiers né di tavoli verdi, ma soltanto di slot macine e di roulette telematiche come fosse uno dei tanti bar dello sport”.
“Taormina” – ha aggiunto – “rivendica il diritto ad una propria casa da gioco di fondamentale importanza, non solo turistica, per il potenziamento e consolidamento dell’economia del comprensorio provinciale: sistemazione e recupero di beni culturali; sistemazione della rete urbana; occasione di lavoro per addetti professionali qualificati; insomma, nuova ricchezza da distribuire sul territorio. ”    
“Con questo documento chiedo, in conclusione, al presidente della Provincia, on. Nanni Ricevuto, di voler presentare al Governo Regionale la richiesta di discutere l’argomento per arrivare al varo di norme sul gioco d’azzardo. Se la richiesta sarà presentata dalla Sicilia, regione a Statuto Speciale, il Parlamento dovrà pronunciarsi entro 30 giorni; ciò significherebbe che, la discussione sui nuovi casinò in Italia e, per quanto ci riguarda, a Taormina, potrebbe iniziare e concludersi per la fine dell’anno”.

Leave a Response