Messina. Furto aggravato, arrestati due giovani

MESSINA – I carabinieri del Nucleo Radiomobile la scorsa notte hanno arrestato due giovani incensurati responsabili di furto aggravato. I fatti si sono verificati a Messina, in località villaggio Santa Lucia Sopra Contesse, dove era in corso un servizio mirato per la prevenzione dei reati contro il patrimonio a seguito della recrudescenza del fenomeno dei furti sulle autovetture. In particolare, nel corso del servizio di perlustrazione, gli uomini della gazzella del Nucleo Radiomobile, nel transitare in una strada secondaria del citato villaggio urbano, hanno notato un’autovettura di grossa cilindrata che uscendo a forte velocità da una traversa si immetteva nella via Consolare Valeria. Insospettiti per la manovra azzardata i Carabinieri hanno inseguito l’autovettura sospetta riuscendola a bloccare dopo circa un chilometro. A bordo dell’autovettura sottoposta a controllo due giovani messinesi incensurati che venivano identificati in Gianluca De Marco, nato a Messina il 11.05.1985 e Tommaso D’Angelo, nato a Messina il 29.01.1988. Alla domanda dei militari dell’Arma circa il motivo dello strano comportamento, i due giovani non davano alcuna spiegazione. A questo punto i carabinieri procedevano alla perquisizione veicolare dell’autovettura rinvenendo nel bagagliaio un paraurti che presentava alcuni segni di effrazione. Atteso che i due giovani non avevano riferito nulla sia sull’atteggiamento tenuto che sul pezzo di autovettura  trasportato, i carabinieri, tramite la Centrale Operativa, facevano richiesta di un’altra gazzella del Nucleo Radiomobile al fine di ricercare, nel luogo in cui i due ragazzi erano stati notati allontanarsi, l’autovettura razziata. In effetti, nella traversa che si immette sulla via Consolare Valeria, i Carabinieri rinvenivano una Smart priva del paraurti anteriore che presentava evidenti segni di scasso. Per i due giovani scattavano quindi le manette con l’accusa di furto aggravato.

Leave a Response