Messina-calcio, i Franza indagati per falso

MESSINA – Avviso di garanzia per falso e frode processuale firmato dai sostituti della Procura di Messina, Vito Di Giorgio e Fabrizio Monaco, nei confronti degli imprenditori Pietro e Vincenzo Franza, nella loro qualita’ di presidente e vice del Football Club Messina Peloro che quest’anno milita in serie D. A denunciarli era stato l’ex medico sociale Filippo Ricciardi, il quale non ha riconosciuto come sua una firma su una liberatoria del marzo 2006 di 500 mila euro che avrebbe ottenuto per prestazioni professionali in seno alla societa’ giallorossa. La dichiarazione serviva ai Franza – insieme a quelle di dipendenti e calcatori – per ottenere l’iscrizione all’ultimo dei tre campionati di serie A del Messina. Quello odierno e’ un “filone” dell’inchiesta sulla gestione della societa’ giallorossa, aperta dal pool reati contro la pubblica amministrazione sull’atto procedimentale tra l’F.C. Messina e il Comune e che avrebbe consentito ai Franza di gestire gli stadi “San Filippo” e “Celeste” per 15 anni e parcheggi ed aree commerciali di pertinenza per 50 anni. La sezione di Pg della Guardia di finanza tra le carte acquisite nella sede della societa’ di via Acireale anche una scrittura del 2003 nella quale il dottore Ricciardi dichiarava di prestare la sua attivita’ professionale a titolo gratuito. Un’attestazione che contrasta con la liberatoria del marzo 2006.

Leave a Response