Roccalumera. Il sindaco consegna gli atti all’opposizione

ROCCALUMERA. Il sindaco Gianni Miasi ha consegnato alla minoranza gli atti richiesti sull’attività amministrativa, scusandosi per il ritardo con una nota inviata al capogruppo, Giuseppe Campagna. E punta l’indice contro gli uffici comunali annunciando una indagine interna per accertare eventuali  responsabilità sui ritardi. La minoranza incassa e rilancia. Esprime “soddisfazione per la consegna degli atti richiesti, il che evidenzia la giustezza delle richieste avanzate” ma precisa che “non sono stati ancora trasmessi gli elenchi delle deliberazioni del consiglio comunale, della giunta municipale e delle determine dirigenziali così come espressamente recita l’art. 27 dello statuto comunale”. Come dire, la telenovela continua, in attesa che dal Comune siano consegnati altri incartamenti. Intanto, in una nota, i consiglieri di opposizione Giuseppe Campagna, Elio Cisca, Natia Basile, Marco Maccarrone, Carmelo Spadaro e Andrea Vadalà si sono chiesti “dov’è andata a finire l’efficienza e la preparazione dei dipendenti e dei dirigenti comunali, da sempre decantata dal sindaco…”. Ed ancora: “Quali provvedimenti adotterà il primo cittadino in merito a quanto accaduto? E che giudizio darà sull’operato dei dirigenti comunali il nucleo di valutazione scelto dallo stesso primo cittadino per stimare l’operato dei dirigenti?”. In merito, poi, alla mancata relazione al consiglio comunale sulle attività svolte dai rappresentanti dell’Ente locale all’interno dell’Unione dei Comuni e degli altri consorzi dei quali Roccalumera è capofila o semplicemente socio, la minoranza tira in ballo lo statuto comunale. “In occasione dell’esame del conto consuntivo – spiega Campagna, così come previsto dall’articolo 14 – i rappresentanti del Comune presso enti, consorzi, aziende e istituzioni presentano al consiglio comunale una relazione sull’attività svolta. Il consiglio – aggiunge – può esprimere indirizzi e valutazioni sull’azione dei rappresentanti. Di queste relazioni presso gli uffici comunali – conclude Campagna – non abbiamo riscontrato tracce nonostante le ripetute richieste verbali”. Per tagliare la testa al toro, il gruppo di minoranza ha avanzato una proposta, la pubblicazione di tutti gli atti del Comune sul sito internet dell’Ente “in modo che ognuno con un semplice click, anche da casa, possa accedere ai documenti, evitando i passaggi burocratici”. Il sindaco, dal canto suo, ribadisce che “le porte del Palazzo municipale sono spalancate e che le… carte sono a disposizione di chiunque ne faccia richiesta”.

Leave a Response