Sondaggio. Come ridurre spese Enti locali?

Torniamo a chiedere il parere dei nostri lettori. Lo facciamo con un nuovo sondaggio che, come per le altre volte, prende spunto da un fatto di cronaca.
Ci riferiamo, per la nuova “consultazione”, ad una decisione dell’amministrazione comunale di Taormina che, nei giorni scorsi, ha drasticamente ridotto i compensi dei dirigenti, i vertici della burocrazia municipale. A partire dal 2009, le voci extra degli appannaggi  dei sei dirigenti di Palazzo dei Giurati saranno di 9000 euro. Sino al 2008, invece, i compensi di posizione erano rappresentati da numeri a cinque cifre. Si andava da 15.000 a 25.000 euro, circa. La differenza, quindi, è decisamente netta. Un provvedimento che, viste le casse del comune, si sarebbe reso necessario per normalizzare le spese e razionalizzare il rapporto tra costi e ricavi. In un anno, con la riduzione dei compensi ai dirigenti, il comune di Taormina dovrebbe risparmiare poco meno di 60.000 euro.
La decisione dell’amministrazione comunale non ha molti precedenti. Almeno la cronaca non ha, di recente, riportato nulla di simile.
Aumenta, invece, di giorno in giorno, il numero dei sindaci e degli assessori che decidono di rinunziare o di ridurre sensibilmente i loro appannaggi, veri e propri stipendi che servono a compensare gli amministratori impegnati nella gestione della cosa pubblica. Provvedimenti giustificati con le esigenze di casse comunali quasi al verde.
A Taormina sono stati ridimensionati i guadagni dei dirigenti ma non sono stati toccati i compensi degli amministratori.
Come giudicate decisioni di questo genere? Chiaramente il sondaggio non vuole interessarsi solo del caso di Taormina. Ai lettori di Tele90 chiediamo di giudicare, con un  sì o con un no, il caso in se stesso, come fatto di costume.
Le domande che proponiamo sono le seguenti: E’ giusto ridimensionare più che sensibilmente i guadagni dei dirigenti? In questi momenti di difficoltà dei comuni, sarebbe giusto che tutti gli amministratori riducessero i loro stipendi?
Per votare, come al solito, basta andare alla voce sondaggio (in basso a sinistra del nostro portale)  ed esprimere il proprio parere.
A proposito del sondaggio sulla gestione dell’Isolabella, che si può considerare chiuso, i nostri lettori si sono dichiarati favorevoli ad un’intervento pubblico. E’ stato quasi un plebiscito: il 79,37 per cento dei votanti ha detto sì alla domanda “Meglio una gestione pubblica”; il 20,63 per cento, invece vorrebbe che la Riserva venisse trasformata in una foresteria per Vip.

 

Leave a Response