Taormina. Ridotti i compensi dei dirigenti

TAORMINA – Drasticamente ridotti i compensi extra stipendio dei dirigenti del comune di Taormina. Le loro retribuzioni sono state tutte livellate a 9000 euro l’anno. Il provvedimento scatterà il prossimo anno. Per quello in corso, invece, i dirigenti percepiranno quanto convenuto ma tenendo conto solo dei diritti acquisiti alla data (29 agosto 2008) della determina sindacale dedicata all’attribuzione e definizione degli incarichi dirigenziali. Sino ad ora i compensi per i dirigenti erano calcolati con numeri a cinque cifre per ogni anno. Il provvedimento firmato dal sindaco, Mauro Passalacqua, si basa su due pilastri: le previsioni programmatiche dell’amministrazione che si è prefissata di realizzare processi per la razionalizzazione dell’impegno del personale, della ridefinizione degli incarichi dirigenziali anche allo scopo di ottimizzare il rapporto costi ed efficienza dei servizi; che il Comune non ha raggiunto gli standard di premialità per l’anno 2007 rispetto agli anni precedenti così come rilevato in una nota dall’assessorato regionale per le Autonomie Locali, fatto questo che ha comportato, conseguentemente, una penalizzazione nell’assegnazione delle somme.
Da qui, quindi, la necessità di mettere mano alla scure e di tagliare le retribuzioni di posizione dei dirigenti che, a Palazzo dei Giurati, sono, attualmente, 6 vale a dire: il segretario comunale (affari generali di amministrazione, organi istituzionali, informatica, contenzioso); Agostino Pappalardo (Polizia municipale, anagrafe, stato civile, elettorale, leva e servizio statistica); Carmelo Famà (urbanistica, SUAP, attività produttive); Giovanni Gullotta (lavori pubblici, patrimonio immobiliare, servizi manutentivi); Giovanni Coco (servizi ecologia, protezione civile, arredo urbano, verde pubblico, servizi tecnologici ASM, assistenza sociale, cimitero); Giuseppe Mascelle (cultura, pubblica istruzione, turismo, sport e spettacolo, biblioteca e musei, personale).
La revisione, così come definita dalla determina sindacale, dovrebbe portare alle case comunali un risparmio di oltre 60 mila euro l’anno.

Leave a Response