Sport-calcio, il Messina dei Franza in Serie D

MESSINA – Il via libera è arrivato oggi da Roma a conclusione della riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica che ha espresso parere favorevole in merito all’ammissione della Fc Messina Peloro alla serie D. La Federazione, preso atto dell’impegno assunto ufficialmente anche dal sindaco della città siciliana, Giuseppe Buzzanca, ha dunque ammesso la società dei Franza ai campionato della Lega Nazionale Dilettanti. Soltanto domani mattina verrà ufficializzata la decisione, cui farà seguito la composizione definitiva del girone I, rimasto finora congelato, e il conseguente calendario. Secondo indiscrezioni, la Fc Messina Peloro dovrebbe osservare un turno di riposo (il raggruppamento che conta formazione siciliane, calabresi e campane, sarà a diciannove) nella prima giornata e quindi iniziare il proprio torneo domenica 14.

Dopo la decisione della Figc di ammettere l’Fc Messina dei Franza in serie D anche in seguito al parere positivo del sindaco di Messina, Giuseppe Buzzanca, oggi i tifosi dei club organizzati della squadra giallorossa, contrari a questa decisione “non avendo più fiducia nella dirigenza della società” in una nota, firmata comitato Zanclon, scrivono: “Porremo in essere immediatamente tutte le iniziative giudiziarie affinchè questo scempio ai nostri danni non si consumi così come se tutto fosse dovuto a chi ha sempre fatto il bello e il cattivo tempo pensando di essere il signore e padrone della città, attraverso il consenso dei principali media locali e l’asservimento di una classe politica che, per l’ennesima volta, ha brillato per negligenza, ottusità e inconcludenza”.

“Non avremo pace – aggiungono – fin quando l’F. Messina non verrà restituito ai legittimi proprietari: i tifosi. Non avremo pace fin quando gli stadi non verranno restituiti ai legittimi proprietari: i cittadini messinesi”. “Ci vergogniamo profondamente – concludono – di essere rappresentati dalla attuale classe politica e ci proponiamo di fare in modo che questo ennesimo vile tentativo di gabbare la cittadinanza messinese possa trasformarsi in un momento di presa di coscienza dei propri mezzi da parte dell’intera cittadinanza: non dimenticheremo quello che è stato fatto e quello che non è stato fatto in questa estate terribile”. 

Leave a Response