Messina. “Soli 2 asili nido, servono strutture”

MESSINA – Promuovere le politiche per le famiglie e le pari opportunità con investimenti in servizi e strutture. E’ questa la richiesta che la segreteria della Cisl di Messina ha formulato al sindaco Giuseppe Buzzanca e agli assessori Pinella Aliberti e Salvatore Magazzù. La richiesta della Cisl nasce dalle notizie sulla grave carenza di asili comunali che penalizzano le famiglie costrette a ricorrere a strutture private.  Gli asili nido – si legge nella nota – devono poter essere una scelta per i genitori che lavorano, anche per avere i propri figli vicini durante la giornata: fornire più servizi alla prima infanzia consente contemporaneamente ai lavoratori e alle lavoratrici di poter lavorare con più serenità e di conciliare vita familiare e lavorativa”. L’Italia è molto lontana da raggiungere gli obiettivi di Lisbona che prevedono nel 2010 una copertura territoriale di asili nido pari al 33%, meta indispensabile anche per il raggiungimento dell’altro obiettivo di Lisbona per portare l’occupazione femminile al 60%.
“A Messina – sottolinea la Cisl – siamo anni luce lontano da qualunque tipo di obiettivo. Sono solo due gli asili in città per una copertura complessiva di 73 posti. Qualche anno fa il Comune di Messina non ha partecipato a un bando regionale e la Provincia regionale ha rispedito alla Regione il finanziamento per un nido aziendale”.
La Cisl ha proposto al Comune di Messina di stipulare una convenzione con le strutture private che rispondano a requisiti di qualità garantiti, individuandole con un bando pubblico, così come ha fatto la Regione Siciliana con il Progetto “Alfa” e di guardare alla possibilità di avvalersi del progetto di nido familiare, utilizzato con successo da anni in Trentino-Alto Adige e in Calabria  e valido modello di politica sociale a favore delle famiglie per promuovere l’erogazione di servizi innovativi per l’infanzia in grado di integrare l’offerta pubblica e privata.
L’orario è altamente flessibile e  concordato all’avvio del servizio tenendo conto delle esigenze della famiglia utente.

Leave a Response