Succede, taorminesi non graditi a Taormina!

TAORMINA – Ospiti non graditi a casa propria. Così sono stati giudicati quei cittadini taorminesi che hanno scelto di lasciare la loro auto nel posteggio comunale “Porta Catania” e che (per fare economia) hanno stipulato un contratto annuale senza posto assegnato. Lo hanno fatto per contribuire a “ripulire la città”, per lasciare libere le strade del centro, per migliorare  l’immagine di Taormina. Tutto è accaduto in occasione del concerto di Antonello Venditti al Teatro Antico: nella struttura comunale, per loro, non c’era posto. Sono stati rimandati indietro dagli addetti dell’ASM. Erano  tra le 19,30 e le 21,30 del 30 agosto, quando su Taormina si sono riversati centinai di auto di ammiratori del cantautore romano. Per i “senza posto”, il Porta Catania è stato dichiarato off limits. Alcune decine di taorminesi, che per servirsi del parcheggio, avevano pagato, anticipatamente, 350 euro per un anno (365 giorni), sono dovuti andare a caccia di qualche posto auto nelle strade del centro. I posti a disposizione erano stati “venduti” agli appassionati di musica leggera. Quanti, invece, avevano scelto il contratto con posto assegnato (da 450 euro l’anno) sono stati fatti entrare. Pare che i contratti dell’ASM, approvati dal Consiglio comunale, prevedano che, può accadere che, in caso di pienone da tutto esaurito, l’Azienda Municipale decida di mettere in vendita anche posti riservati agli abbonati.  Nella serata dedicata a Venditti, però, a Taormina si sono creati cittadini di seria A e cittadini di serie B: la distinzione è stata creata in base alle possibilità economiche degli abbonati ma interessa solo il Porta Catania perché al posteggio Lumbi i posti assegnati costano 350 euro l’anno. Una questione di censo, come dire?,  economico. Eppure, secondo quanto indicato nei cartelloni piazzati al Porta Catania, il piano n. 2 sarebbe tutto riservato agli abbonati, con o senza posto assegnato. Solo i paria da 350 euro, però, sono stati sacrificati sull’altare del “dio turismo”, per dimostrare che a Taormina, città turistica, il senso dell’ ospitalità è grande, sacro.
E’ accaduto, però, che gli abbonati senza posto assegnato, la notte tra il 30 ed il 31 agosto, hanno lasciato le loro auto dove capitava. Hanno, di conseguenza, fatto crescere il caos creato da quanti avevano deciso di andare al Teatro Antico e che, in assenza di stalli nei parcheggi comunali, hanno preso d’assalto il centro storico, le immediate periferie, la via Kitson. I cittadini di Taormina, pertanto, hanno dovuto penare non poco, prima di fare rientro a casa. Taormina era stracolma: auto da tutte le parti, anche negli spazi riservati ai residenti con pass 01 e 02. In questa maniera hanno rischiato, anche, di trovare la multa.   
Con molta probabilità, lo stesso è accaduto per i concerti di  Giovanni Allevi (29 agosto) e  Renzo Arbore (31 agosto) ed accadrà in occasione delle performance di Maurizio Crozza (venerdì 5 settembre), Mario Biondi (6 settembre) e Francesco Guccini (13 settembre). Dopo, chiaramente, tutto tornerà nella norma. I taorminesi da 350 euro l’anno, quindi, torneranno a trovare posto nel Porta Catania. Potranno sempre dire, però, che, quel giorno, il 30 agosto del 2008, si sono sacrificati per il bene del turismo taorminese. I loro nipoti ne saranno orgogliosi.

Leave a Response