Roccalumera, distaccamento Vdf rischio chiusura

ROCCALUMERA – A rischio il distaccamento di Roccalumera dei Vigili del Fuoco. A denunciarlo è il coordinamento provinciale dei sindacati di categoria di Cisl, Uil, Rdb, Confsal e Conapo che evidenziano l’incongruità di come il distaccamento di Roccalumera venga definito “stagionale” dal Dipartimento Vigili del Fuoco del Soccorso pubblico e della Difesa civile ma è stato già inserito nel progetto “Soccorso Italia in 20 minuti”. Senza però che sia stato riconosciuto il decreto di apertura definita e quindi senza la possibilità di assegnare nuovo personale al distaccamento. “A Roccalumera – sottolinea il coordinamento dei sindacati dei vigili del fuoco – il servizio è garantito da una sola squadra formata da un capo, un vigile autista e un vigile permanente in servizio presso il Comando provinciale di Messina e, a ogni turno, destinati presso il distaccamento di Roccalumera. A questi vanno aggiunti tre vigili volontari assegnati dal dipartimento. Sino ad oggi – proseguono i rappresentanti sindacali di Cisl, Uil, Rdb, Confsal e Conapo – il distaccamento è rimasto operativo grazie alla disponibilità e al sacrificio del personale permanente del Comando provinciale di Messina che, in questo periodo estivo, ha anche rinunciato a parte delle proprie ferie per mantenere operativo il servizio a Roccalumera. Purtroppo, però, a causa della gravissima carenza di almeno 15 capi-squadra presso il Comando provinciale di Messina, a breve non sarà più possibile mantenere l’operatività del distaccamento. Facciamo appello – concludono Cisl, Uil, Rdb, Confsal e Conapo – al Sindaco di Roccalumera, Giovanni Miasi, affinché si attivi con i canali del Ministero degli Interni per chiedere con forza il decreto di apertura definitiva del distaccamento di Roccalumera e il contestuale invio di nuovo personale. Considerata l’importanza che la stazione di Roccalumera riveste sul territorio provinciale diventa fondamentale che tutte le autorità competenti si assumano le responsabilità che derivano dalle proprie competenze”.

Leave a Response