Torrente Agrò, quasi ultimata la bonifica

S. TERESA – Sono ormai in fase di ultimazione i lavori di recupero e valorizzazione delle aree adiacenti il torrente Agrò. Gli interventi, realizzati grazie a un finanziamento dell’Unione Europea (fondi Por) di oltre 3 milioni e 600mila euro, stanno cambiando il volto dei margini destro e sinistro del corso d’acqua che per decenni sono stati utilizzati come deposito di rifiuti. La consegna delle attese opere dovrebbe avvenire nel mese ottobre, in quanto la ditta appaltatrice aspetta l’autunno per mettere a dimora le centinaia di piante autoctone (gelsi, carrubbo, ginestre, oleandri) che dovrebbero trasformare la bassa valle d’Agrò in un «polmone verde». La gestione di tutta quest’area attrezzata sarà di competenza dei rispettivi comuni d’appartenenza (Santa Teresa, S. Alessio, Savoca, Forza d’Agrò, Casalvecchio, Antillo e Limina), ma si pone pure il problema della vigilanza perché le municipalità non sempre sono in grado di potere garantire la salvaguardia di questo tipo di opere che rappresentano un patrimonio di indiscutibile valore. Diversi addetti ai lavori, hanno suggerito che la vigilanza potrebbe essere affidata ai «Rangers d’Italia», in modo da avere sempre una presenza su questa immensa area bonificata e finalmente valorizzata a dovere.

Leave a Response