Giardini. Corrieri della droga… in panne

GIARDINI NAXOS – Provenivano da Napoli con un carico di droga destinato, probabilmente, al mercato siciliano, ma sono stati bloccati ed arrestati dai carabinieri. E con modalità del tutto particolari. Nella mattinata di ieri, i militari del nucleo operativo della Compagnia di Taormina, infatti, hanno notato un’autovettura Fiat Bravo, che percorreva l’autostrada A18 in direzione Catania con a bordo un uomo ed una donna, entrambi napoletani (Salvatore Trimarco, 39 anni, e la nipote Assunta Giannetti, 25, già nota alle forza dell’ordine). L’autovettura aveva attirato l’attenzione dei militari dell’arma all’altezza di Giardini Naxos poiché emetteva fumo dal motore e marciava con evidente difficoltà. Nell’intento di soccorrere i malcapitati e di prestare loro l’opportuna assistenza, la gazzella dell’arma con personale del nucleo operativo in abiti civili ha pensato subito di seguirla e, in corrispondenza dell’uscita autostradale di Fiumefreddo di Sicilia, di affiancare il veicolo per prestare assistenza. In tale fase, insospettiti dall’atteggiamento del conducente e della passeggera, i carabinieri di Taormina, coadiuvati dai colleghi del nucleo operativo della compagnia di Giarre, hanno deciso di operare un adeguato controllo, rinvenendo così, in un vano ricavato al di sotto del sedile posteriore dell’auto, la sostanza stupefacente del tipo hashish per un peso complessivo di oltre un chilogrammo, abilmente ed artificiosamente occultata. La droga a quanto pare era destinata al mercato siciliano. I due sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e per loro si sono aperte le porte del carcere di Catania piazza Lanza dove sono stati accompagnati nel pomeriggio per essere messi a disposizione dell’autorità giudiziaria. Sequestrati anche mille euro perchè ritenuti il provento della loro attività illecita. Nessuna spiegazione plausibile circa l’inaspettato “bagaglio” è stata fornita ai militari dai due “sfortunati” viaggiatori. La loro autovettura è finita sotto sequestro in attesa di accertamenti e anche di una opportuna… riparazione.

Leave a Response