Nino Bartolotta fuori dal Consiglio provinciale?

ALI’ TERME – Il primo dei non eletti  al consiglio provinciale della lista ‘’Autonomisti del Mpa’’, Antonino Muscarello di Alì Terme, ha inoltrato un esposto contro il dott  Antonino Bartolotta eletto nello stesso schieramento a consigliere di Palazzo dei Leoni nella tornata elettorale del 15 e 16 giugno scorsi. Secondo Muscarello, Bartolotta, ex presidente della Fiera internazionale di Messina ed ex sindaco di S. Teresa di Riva, si troverebbe in una condizione di temporanea incompatibilità con la carica assunta per essere stato nella sua funzione di primo cittadino condannato per ‘’peculato con sentenza non definitiva del tribunale di Messina  e ha inoltre, nel maggio di quest’anno, in piena campagna elettorale, subito altra condanna di primo grado’’ per reato commesso sempre nella sua qualità di sindaco di S. Teresa Riva. Muscarello, che in caso di accoglimento della sua tesi prenderebbe il posto di Bartolotta, espone i fatti in maniera circostanziata nell’esposto, di cui è il primo firmatario, inviato al procuratore della Repubblica, al prefetto, al presidente della Provincia regionale, al presidente del Consiglio provinciale e all’assessore regionale agli Enti locali. Muscarello, quindi, sostiene che Nino Bartolotta, una volta dichiarato eletto, ‘’avrebbe dovuto essere immediatamente sospeso dalla carica ma ciò non è avvenuto, inficiando tale circostanza sia il regolare svolgimento dei lavori dell’Assemblea provinciale ai sensi del comma 2 articolo 59 del decreto legislativo 267/200, sia la ratio insita nello stesso articola citato di salvaguardare le assemblee elettive nelle more della definizione di un procedimento penale di grave entità o relativo a delitti commessi contro la pubblica amministrazione’’. Antonino Muscarello, che in passato è stato presidente del consiglio comunale di Alì Terme e presidente dell’assemblea dell’Unione delle Valli ioniche e dei Peloritani, chiede perciò alle autorità in indirizzo all’esposto di ‘’accertare la sussistenza delle condizioni che legittimano la sospensione dalla carica di consigliere provinciale di Nino Bartolotta, e vogliano di conseguenza procedere al sollecito avvio di tutti gli atti procedimentali dovuti per legge’’. Adesso, inevitabilmente, la vicenda assume anche connotazioni politiche all’interno dell’Mpa dato che Bartolotta e lo stesso Muscarello si rifanno alle posizioni dell’on. Cateno De Luca.

 

Leave a Response