Taormina. Vittorio Sabato consigliere anziano

TAORMINA- L’ufficio elettorale ha completato i conteggi per la definizione della lista dei consiglieri comunali di Taormina che giovedì 3 luglio s’insedieranno a Palazzo dei Giurati. La proclamazione era stata già ufficializzata dal magistrato che, il 17 giugno, aveva riletto i verbali dei seggi elettorali e sommato tutti i voti. Nel corso della prima seduta del novo consiglio comunale, sarà esaminata la condizione di ogni singolo consigliere per verificare se esistono motivi di ineleggibilità controversie non sanate, vertenze in corso. I responsabili dell’ufficio comunale hanno solo sommato i voti di preferenza di ognuno dei venti eletti a quelli ottenuti dalla lista d’appartenenza. La sommatoria è servita per stilare la graduatoria dei consiglieri e per determinare chi è il consigliere più anziano. Un termine, anziano, che non serve per dire chi è più vecchio rispetto all’anagrafe. In questo caso, il più anziano è chi ha ottenuto la cifra più alta sommando i due dati.
L’elenco è stato stampato in un manifesto che è stato affisso sui muri della città e all’albo pretorio di Palazzo dei Giurati. Alla maggioranza sono andati 12 seggi; alla minoranza 8.
Questa la graduatoria:
Vittorio Sabato ( Alleanza Taormina) voti 1146 – Maggioranza
Giuseppe Calabrò (Alleanza Taormina) voti 1121 -Maggioranza
Eugenio Raneri (Alleanza Taormina) voti 1118 -Maggioranza
Ignazio Cavallaro(Cittadini liberi uniti da un patto democratico) voti 941- Maggioranza
Mario Mennella ( Cittadini liberi uniti da un patto democratico) voti 935- Maggioranza
Vittorio Conti (Primavera taorminese) voti 775- Maggioranza
Antonio Lo Monaco (Primavera taorminese) voti 744- Maggioranza
Nunzio Corvaja (Giovani&Commercio) voti 717- Maggioranza
Marcello Muscolino (Autonomia taorminese) voti 698- Maggioranza
Giuseppa Raneri (Autonomia taorminese) voti 691- Maggioranza
Andrea Carpita (Giovani&Commercio) voti 685- Maggioranza
Giuseppe Composto (Il popolo della libertà) voti 675- Minoranza
Vincenzo Scibilia (Taormina unita) voti 550- Minoranza
Carmelo Ardito (Conservare il futuro con Briguglio) 546- Minoranza
Bruno De Vita (Taormina domani) voti 545- Minoranza
Eligio Giardina (UDC con Casini) voti 513- Minoranza
Jonathan Sferra (Il Circolo di Taormina) voti 448- Maggioranza
Salvatore Sferra (Azzurri per Taormina) voti 421- Minoranza
Antonio D’Aveni (Il centro con D’Alia) voti 409- Minoranza
Gaetano Cucinotta (Risveglio taorminese) voti 408 – Minoranza
Accanto al nome di ogni eletto è indicata la data ed il luogo di nascita di ognuno dei nuovi consiglieri. Dati che a qualcuno sono serviti per un inutile e stucchevole studio: verificare quanti sono nati a Taormina e, quindi, hanno nelle loro vene “sangue puro). Inutile stucchevole perché non è con questi sistemi che si stabilisce il livello di “taormenesità” dei futuri consiglieri comunali. C’è da dire, però, che gran parte della campagna elettorale è trascorsa nel verificare chi era più taorminese di un altro; si è  trascinata alla scoperta dei dati anagrafici e, principalmente, del luogo di nascita dei candidati. Per accertare le capacità di ognuno dei candidati di rappresentare la città ed i suoi elettori, però, servono ben altri parametri. Quelli che i taorminesi sono chiamati a scoprire a breve, tra qualche giorno quando gli eletti s’insedieranno e cominceranno a varare provvedimenti che interesseranno tutti gli abitanti di Taormina ed ognuno dei milioni di turisti che in questa città vengono per passare ore di relax e per spendere i loro risparmi.
In ogni caso, i nati a Taormina sono: Calabrò, Raneri E., Raneri G.; Cavallaio; Conti; Corvaja; Muscolino; Ardito; De Vita; Sferra; Cilona.  Non sono nati a Taormina: Sabato (Novara di Sicilia); Mennella (Casamicciola Terme); Lo Monaco (Loos en Gohelle); Carpita (Catania); Composto (Milazzo); Scibilia (Gaggi); Giardina (Limina); D’Aveni (Catania); Cucinotta (Giardini Naxos).

Leave a Response