Taormina, il 3 luglio la ”prima” del Consiglio

TAORMINA- Una cosa è certa: il nuovo consiglio comunale è stato convocato per giovedì 3 luglio. Lo ha convocato il presidente uscente, Giuseppe Composto che, al momento dell’insediamento passerà la palla al consigliere che ha ottenuto il maggior la più alta cifra personale, che si ottiene sommando i voti di lista e voti di preferenza. A conti fatti, la prima seduta del Consiglio dovrebbe essere presieduta da Vittorio Sabato.
Per l’amministrazione attiva, invece, non esistono dati certi. Per adesso solo illazioni, previsioni, passa parola. Di certo non c’è nulla. Il sindaco eletto a seguito delle amministrative del 15 e 16 giugno scorsi, non ha ancora definito la squadra che lo affiancherà nell’amministrazione della città. Mauro Passalacqua sta aspettando di conoscere le indicazioni dai responsabili delle liste che hanno contribuito alla sua elezione. Quando avrà raccolto tutto potrà mettere mano alla formazione della Giunta.
Gli assessori indicati in campagna elettorale saranno confermati? Il punto interrogativo dipende solo dal fatto che quelle indicazioni non sono, per legge, vincolanti. Passalacqua può confermarle ma può anche, a seguito di un accordo politico, cassarle. Per adesso si sa solo della piena conferma di Giuseppe Calabrò che sarà il vice sindaco. Non si sa, però, quale assessorato gli sarà assegnato. Saranno confermati anche Rocco Cappello e Jonathan Sferra? Per saperlo bisognerà attendere la fine di questa settimana, forse qualche giorno in più.
La composizione della Giunta per il sindaco sarà come risolvere un puzzle. Si tratta di mettere tutte le tessere al posto giusto. Non sarà un lavoro semplice. Si tratta di trovare le persone giuste da collocare al posto giusto tenendo conto dei risultati elettorali. E’ certo, comunque, che Passalacqua cercherà di contornarsi di elementi capaci di offrirgli supporto tecnico, amministrativo e politico. Per questo, con molta probabilità, si ritaglierà uno spazio di autonomia per poter scegliere, al di fuori dei condizionamenti politici, persone alle quali accordare fiducia piena.
Fare in queste ore nomi di possibili assessori può assomigliare ad una licenza, una maniera come un’altra per sbizzarrirsi in pronostici fini a se stessi.
Intanto, Passalacqua ha azzerato gli incarichi che il commissario straordinario aveva assegnato. Le notifiche, firmate dal sindaco, sono state già notificate a Girolamo Quattrocchi, presidente del Consorzio per la depurazione ed ai componenti del consiglio d’amministrazione dell’ASM. Anche trovare i sostituti da nominare nei due enti è da considerare un pezzo del puzzle che il sindaco si trova da quasi 48 ore sul suo tavolo a Palazzo dei Giurati. Questi incarichi sono da considerare poco più o poco meno di un assessorato.

Leave a Response