Taormina, Teatro Antico concesso a Renzo Arbore

TAORMINA – Continua l’assalto al teatro Antico di Taormina. E’ di oggi la notizia che la Regione siciliana ha concesso a Renzo Arbore ed alla sua Orchestra Italiana, l’autorizzazione ad esibirsi all’interno del grande monumento.
L’appuntamento è stato già fissato: Arbore sarà a Taormina il prossimo 31 agosto. Il giorno prima sarà a Palermo al Teatro di Verdura. Nessuno ha, quindi, posto un freno alla “corsa” al più bel palcoscenico di Sicilia ricavato all’interno di un sito storico d’inestimabile valore culturale. C’è, quindi, da aspettarsi che da Palermo arrivino nuove notizie per altri spettacoli. Tutto accade, tutto si ripete come se nessuno sapesse quali sono le attuali condizioni del Teatro Antico sul quale pende la spada di Damocle della Commissione di vigilanza sugli spettacoli. Per il momento il teatro è stato autorizzato ad ospitare poco più di 800 spettatori. Altro che 4000, quanti sono quelli che si meritano Arbore e gli altri artisti, nazional popolari, che hanno avuto la concessione anche per l’estate 2008. A Palermo firmano nuove autorizzazioni ma restano le limitazioni. Sino ad oggi, quindi, non si sa se al Teatro Antico, già a partire dall’imminente manifestazione per la consegna dei Nastri d’Argento del cinema, e a seguire per il TaorminaFilmFest, sarà possibile utilizzare anche le gradinate del monumento. Sono stati finanziati i lavori per la ristrutturazione delle impalcature? Quando inizieranno i lavori?
Per questi semplici e banali interrogativi non sono sinora giunte risposte ufficiali. Si sa solo di un interessamento diretto del Prefetto di Messina; si parla di un coinvolgimento –sul piano gestionale- di TaorminArte. Ma cosa sta effettivamente accadendo non è noto.
Di certo, però, si sa che si allunga a dismisura l’elenco degli spettacoli autorizzati direttamente dalla Regione (senza consultare il comune di Taormina) .
Quando, sul serio, sull’utilizzo del Teatro Antico si arriverà ad una soluzione condivisa e credibile? Per adesso se non è anarchia poco ci manca. Di sicuro è confusione, mancanza di coordinamento.

Leave a Response