Unione dei Comuni, primo ok al nuovo Statuto

S. TERESA – Ci vorranno altre due votazione per approvare le modifiche allo Statuto dell’Unione dei Comuni delle Valli Joniche dei Peloritani. Un percorso obbligato per il Consiglio dell’Unione dopo che nella seduta di venerdì scorso, a Villa Crisafulli-Ragno, è venuta a mancare la maggioranza qualificata, cioè i 2/3 dell’assemblea. Erano presenti infatti 31 consiglieri, mentre per approvare in prima battuta il nuovo Statuto ne sarebbero stati necessari 3 in più: 34. Si andrà avanti, dunque, con le votazioni a maggioranza semplice. Il nuovo Statuto, che tra le altre cose porterà alla diminuzione dei seggi (da 54 a 36) e al prolungamento del mandato del presidente della Giunta dell’Unione (da 6 a un massimo di 18 mesi), dovrà essere quindi votato per altre due volte. Il particolare iter tecnico prevede infatti tre approvazioni consecutive da parte della maggioranza semplice del Consiglio per l’entrata in vigore delle modifiche. Una seduta lampo, quella di venerdì scorso, durata appena 10 minuti e mirata esclusivamente a compiere il prima passo di questo importante percorso. “Domani mi recherò presso la sede dell’Unione – ha dichiarato il presidente del Consiglio, Nino Muscarello, per convocare la prossima seduta. Dobbiamo cercare in tutti i modi di approvare il nuovo Statuto. E’ molto importante per il futuro dell’Unione”.

Leave a Response