Domani sciopero nazionale del commercio

Saltate le trattative a livello nazionale per il rinnovo del contratto di lavoro scaduto da 15 mesi, è stato confermato lo sciopero nazionale del commercio previsto per domani 21 marzo. Anche a Messina i lavoratori e le lavoratrici degli esercizi commerciali aderiranno allo sciopero indetto dalle Federazione nazionali di Cgil, Cisl e Uil.Tra i punti di maggior attrito vi è stato quello delle modifiche agli orari e al sistema di godimento dei riposi e quello della generalizzazione del lavoro domenicale. Domani mattina, dalle ore 10, presso il Centro Commerciale Tremestieri si svolgerà una manifestazione dei lavoratori del commercio a difesa del rinnovo del contratto nazionale di lavoro.  “A Messina e provincia lo sciopero assume un doppio valore per le lavoratrici e i lavoratori del commercio che rivendicano l’applicazione del contratto integrativo provinciale siglato il 12 dicembre 2007 – sottolineano il segretario generale della Fisascat Cisl di Messina, Pancrazio Di Leo e il segretario della Fisascat Cisl di Messina Francesco Rubino – Abbiamo riscontrato che la maggioranza degli esercizi commerciali non applica il contratto integrativo provinciale, recepito inoltre dalla delibera del Comune di Messina per le aperture domenicali. Vi è quindi una doppia evasione: nei confronti dei lavoratori che non percepiscono quanto contrattualmente dovuto per il lavoro festivo, domenicale e le relative maggiorazioni salariali previste; ma anche nei confronti dello Stato visto che non vengono versati i relativi oneri fiscali e contributivi sulle somme non corrisposte ai lavoratori”.

Leave a Response