Jonica, riflettori accesi sui beni culturali

S. TERESA – Passo avanti decisivo verso una politica comprensoriale di gestione dei beni culturali nella riviera jonica. Si è insediato, infatti, l’Osservatorio permanente sui Beni Culturali, organismo nato dalla sinergia tra Archeoclub d’Italia – sede Area Jonica – e l’Unione dei Comuni delle Valli Joniche dei Peloritani. La prima riunione si è svolta nei locali di Villa Crisafulli-Ragno, che saranno la sede dell’Osservatorio. Ha assunto la presidenza Santino Mastroeni, già presidente di Archeoclub Area Jonica, a cui va riconosciuto il merito di “spingere” da tempo verso la gestione comprensoriale dei beni culturali, l’unica forma realmente valida per valorizzare le risorse culturali e architettoniche della zona. Dell’Osservatorio fanno parte anche i presidenti dell’Unione dei Comuni, Giovanni Foti (assente all’insediamento), e dell’Assemblea dell’Unione, Nino Muscarello, oltre a tre membri designati da Archeoclub e tre dall’Unione. Archeoclub ha indicato Filippo Brianni, Salvatore Coglitore e Carmelo Santisi; i tre membri dell’Unione saranno invece Romualdo Santoro (consigliere comunale di Antillo), Antonella Scuderi (di Mandanici) e Giuseppe Mancuso (di Itala). Durante i lavori, è giunto per un saluto il vice sindaco di S. Teresa, nonché assessore ai beni culturali, Giuseppe Lombardo. Sin dalle prime battute, Mastroeni ha subito illustrato il piano operativo dell’Osservatorio. In primo luogo, il nuovo organismo avvierà un censimento dei beni culturali: nei prossimi giorni, ai comuni verrà inviato un questionario per avere un quadro chiaro sulla quantità, l’importanza, lo stato di fruibilità e le necessità di intervento delle varie risorse artistiche. L’organismo ha anche evidenziato la necessità di realizzare una segnaletica di accesso migliore rispetto a quella attuale. Particolare attenzione sarà dedicata alle diverse strutture museali esistenti nei vari comuni, non sempre ben conosciute e valorizzate, in modo tale da realizzare un sistema di “rete” dei musei, sia sul piano tematico che geografico. A questo proposito, l’Osservatorio convocherà una riunione con i responsabili di musei e biblioteche del comprensorio per giovedì 3 aprile, alle 18,30. Inoltre, l’Osservatorio organizzerà una Giornata di Studi sullo stato di conservazione dei beni culturali del comprensorio per stimolare un confronto operativo con istituzioni, associazioni, consorzi, scuole e Soprintendenza.

Leave a Response