S. Teresa, rivoluzione negli uffici comunali

S. TERESA. “Basta palleggiamenti di responsabilità negli uffici comunali. Grazie al protocollo informatico saremo nelle condizioni di conoscere l’iter di ogni singola pratica, il tecnico al quale è affidata e da quanto tempo ce l’ha in lavorazione”. Il sindaco, Alberto Morabito, ha annunciato la riorganizzazione degli uffici comunali, già avviata ed in fase di completamento. Comprende tra l’altro l’istituzione di sei nuovi uffici comunali per snellire l’iter burocratico delle pratiche e consentire ai cittadini di avere dei punti di riferimento certi e sapere chi sono i funzionari ai quali rivolgersi. Il provvedimento adottato dalla Giunta prevede l’istituzione di tre uffici all’interno della direzione Territorio e ambiente e tre nell’area tecnica. Nel primo caso saranno realizzati gli uffici lavori pubblici, espropri e manutenzione; nel secondo, protocollo, archivio, contratti e notifiche. L’area tecnica è diretta dall’ing. Claudio Pellegrino mentre quella amministrativa dalla dott.ssa Santina Irrera. Pellegrino può contare su 16 dipendenti a tempo indeterminato e 7 a tempo determinato;  Irrera, di 11 a tempo indeterminato e 7 a tempo determinato. Si concretizza così quanto stabilito due anni addietro con una modifica al regolamento comunale, la separazione dei servizi all’interno delle due aree, tecnica e amministrativa. Un provvedimento che fece parecchio discutere per il taglio delle direzioni (ridotte a cinque). “Per velocizzare i servizi – ha spiegato il sindaco Morabito – abbiamo previsto anche una rotazione di tecnici. Inoltre, sempre per cò che concerne l’area tecnica – ha agiunto – abbiamo inserito e delineato nuovi punti quali ad esempio la protezione civile e gli espropri. La confusione era tanta e spesso – sottolinea il primo cittadino – gli uffici entravano in conflitto, le pratiche passavano da una scrivania all’altra e i cittadini non sapevano più a chi rivolgersi, chi fosse il responsabile”. Adesso si attendono i risultati di una decisione che responsabilizza  addetti ai servizi amministrativi e tecnici del Comune santateresino e che allo stesso tempo dovrebbe consentire ai cittadini che usufruiscono di tali servizi di non impantanarsi in pastoie burocratiche che paralizzano l’iter delle pratiche. “E’ giusto – conclude Morabito – che i cittadini abbiano certezze, in particolare sui tempi e sappiano a chi rivolgersi. Non deve più accadere che a distanza di sei mesi non si sappia a chi competa espletare una pratica”

Leave a Response