S. Teresa Riva, nuovi locali per Pte e “118”

S. TERESA DI RIVA – “Entro due o tre mesi al massimo il Presidio territoriale d’emergenza e il 118 avranno a disposizione locali nuovi e funzionali”. L’assessore ai Lavori pubblici al Comune di S. Teresa di Riva, Carmelo Sturiale, si sbilancia sui tempi che riguardano il trasferimento del presidio sanitario al momento ospitato nelle inadeguate stanze del vecchio palazzo municipale. Entro l’estate, il Pte, il 118 e la Guardia medica saranno ospitati al piano terra del nuovo Municipio, dotati di un proprio ingresso che si affaccia sul lungomare. Tra poche settimane saranno avviati i lavori per rendere l’ambiente idoneo allo scopo. La spesa ammonta a 12mila euro, soldi che saranno reperito dai fondi comunali. Le modalità dell’intervento sono state decise in seguito ad un sopralluogo. Oltre al sindaco, Alberto Morabito e all’assessore ai Lavori pubblici Carmelo Sturiale erano presenti i tecnici dell’Ausl 5, giunti a S. Teresa insieme al direttore del distretto sanitario di Taormina, Sebastiano D’Angelo. La delicata vicenda, oggetto di polemiche e rimostranze da parte degli operatori sanitari costretti a lavorare in ambienti privi dei necessari requisiti, sembra adesso volgere al termine. “L’amministrazione comunale sta facendo il possibile per fornire idonei locali al Pte, alla Guardia medica e al 118 – ha affermato l’assessore Carmelo Sturiale – per garantire a S Teresa e al comprensorio servizi di fondamentale importanza, che riguardano la salute dei cittadini. Sotto il profilo logistico – ha aggiunto – la situazione non potrà che migliorare. Il 118, che al momento tiene i mezzi sulla Statale 114, in pieno centro cittadino, potrà contare sul parcheggio del Comune…”. Prima che comincino i lavori, dovranno essere sgombrati i locali, che attualmente ospitano la biblioteca comunale e gli uffici dei servizi sociali. La Giunta ha già predisposto il loro trasloco a Villa Ragno, luogo deputato agli eventi culturali cittadini. Per l’arredamento della villa è stato già affidato un appalto, per la fornitura, per circa  65mila euro. Laddove adesso sorge il presidio sanitario, nel vecchio municipio, dovrebbero essere trasferiti i vigili urbani, al momento ospitati al piano terra dell’ex pretura, all’estrema periferia nord del paese.

Leave a Response