Furci. Al via le “manovre” per le amministrative

FURCI – Cominciano a delinearsi le alleanze e le strategie politiche in vista delle Amministrative di giugno. E non mancano i colpi di scena. Il gruppo «Vivere Furci» (che si identifica con il Circolo delle libertà) perde qualche pezzo e cambia rotta. Ha abbandonato l’ipotesi di sostenere il candidato a sindaco Bruno Parisi e adesso veleggia nella direzione opposta, quella che conduce all’altro candidato alla poltrona più ambita del Palazzo, l’attuale vice sindaco Mario Balletta. Le divergenze di veduta sulla linea da seguire hanno fatto sì che tre componenti abbandonassero «Vivere Furci». Si tratta di Gianpaolo Briguglio, Giovanni Foti e Sandro Campione, che continueranno a rimanere sulle posizioni di Parisi. A rompere gli indugi e spiegare cosa sta accadendo è il leader del gruppo, Salvatore Puccio: «La pista Parisi – esordisce – è stata ufficialmente abbandonata. Le idee e i programmi non ci hanno dato le garanzie che ci aspettavamo. Era inutile proseguire su quella strada…».
Il Circolo delle libertà ha deciso da che parte stare?
«Il dialogo prosegue su più fronti, ma posso dire che con Mario Balletta c’è stato un confronto proficuo. Abbiamo parlato dei programmi per il paese. Il momento è difficile, i debiti non mancano e parlare di sviluppo non è semplice. Posso tuttavia dire che quello di Balletta è il fronte che ci dà maggiori garanzie».
Il terzo polo è un’ipotesi verosimile?
«Non è da escludere che a Furci possa nascere una terza lista, anche se parliamo di un’ipotesi remota. Per quanto ci riguarda il nostro gruppo continua a relazionarsi con tutte le forze del paese, dagli imprenditori ai professionisti, alle casalinghe…»
Mentre «Vivere Furci» comincia a prendere posizione e a fare chiarezza al suo interno, i protagonisti della campagna elettorale, Bruno Parisi e Mario Balletta, entrambi medici, tengono ancora le carte coperte per quanto riguarda la composizione delle liste. Gli assi portanti sono comunque noti. Parisi è appoggiato dall’ex presidente della Provincia, Sebastiano Coglitore e dall’ex sindaco, Domenico Ventura; Balletta dall’on. Carmelo Briguglio (An) e dal primo cittadino uscente, non più ricandidabile per aver consumato i due mandati, Sebastiano Foti. Anche il deputato regionale Cateno De Luca (Mpa) appoggerà Balletta con un proprio candidato, il giovane Ivan Riganello, alla sua prima esperienza in politica. Ma è un… figlio d’arte. Il papà, infatti, è consigliere comunale uscente.

Leave a Response