Messina. Pensionati mobilitati contro carovita

MESSINA – I pensionati si preparano alla mobilitazione. Continuano, infatti, i salassi al potere d’acquisto delle pensioni. A gennaio l’inflazione ha sfiorato il 3% e l’impennata dei prezzi è stata causata soprattutto dagli aumenti registrati negli alimenti, trasporti e voci relative all’abitazione, acqua, elettricità e combustibili. Domani, alle ore 9.30 presso la Camera di Commercio di Messina, si svolgerà una manifestazione pubblica con i delegati e i capi lega dei pensionati di tutta la provincia di Messina. Si preparano settimane di mobilitazione in tutti i comuni della provincia di Messina contro la povertà e l’emarginazione dei più deboli. Le Federazioni Pensionati Confederali illustreranno le proposte e le iniziative di lotta che avvieranno nei confronti degli enti locali sul problema del caro tariffe, della mancanza dei servi sociali e alla persona, contro i tagli e l’esiguità delle risorse destinate nei bilanci comunali a favore degli anziani e dell’offerta di assistenza e di solidarietà. Su questi relazioneranno i segretari provinciali di Spi Cgil Giuseppe Locorotondo, Fnp Cisl Carmelo Muscolino e UilP Carmelo Catania. L’iniziativa affianca quella del Tax day, la mobilitazione nazionale di Cgil, Cisl e Uil, che prevede  la raccolta di firme per una petizione popolare a sostegno dei salari e delle pensioni per garantire un adeguamento alla crescita del costo della vita e al contempo della competitività delle imprese. La raccolta di firme, avviata a sostegno della battaglia sui salari e sul fisco per tenere alta la tensione sulla piattaforma sindacale su retribuzioni, fisco, prezzi e tariffe nel Paese, diverrà una mobilitazione permanente  di pressione che vedrà impegnati i Sindacati sul territorio nazionale per tutta la durata della prossima campagna elettorale.

Leave a Response