Alì Terme, interrogazione sul ponte Nisi

“Un tavolo tecnico tra i Comuni di Nizza di Sicilia, Alì Terme e Fiumedinisi, Anas, Provincia regionale e Genio civile, per valutare l’immediata realizzazione di una via di fuga in modo da consentire ai cittadini e alle imprese locali di subire il meno possibile i seri disagi che la paventata chiusura del ponte Nisi provocherebbe nel nostro territorio”. La proposta è stata avanzata dal consigliere comunale di Alì Terme Nino Muscarello attraverso una interrogazione al sindaco Lorenzo Grasso, inviata per conoscenza ai primi cittadini di Nizza di Sicilia, Giuseppe Di Tommaso e Fiumedinisi, Cateno De Luca. Oltre alla convocazione del tavolo tecnico, viene chiesto ai tre sindaci di verificare con attenzione la situazione circa l’attendibilità o meno del ventilato provvedimento di chiusura del ponte di collegamento tra Nizza di Sicilia e Alì Terme, ricadente sul torrente Nisi. “Da un paio di giorni – si legge nella missiva – sono state apposte le strisce gialle sull’intero tratto del ponte, una segnaletica stradale per il transito dei soli autobus di linea e dei carichi sopportabili dall’infrastruttura, agli estremi della carreggiata, sicuramente riguardanti collaudi tecnici”.  Ciò che maggiormente preoccupa i cittadini e i commercianti, è la voce di una imminente chiusura del ponte o, in alternativa, di un probabile restringimento della carreggiata con transito limitato. “Se tutto ciò corrispondesse a verità – sostiene Muscarello – sarebbero innumerevoli
i problemi che si verrebbero a creare innanzitutto per l’assenza di una via alternativa e di uno svincolo autostradale nell’area del Nisi. Oltre alla viabilità – conclude l’ex presidente del Consiglio comunale di Alì Terme –  subirebbero gravi danni anche molte imprese locali che hanno nel trasporto gommato il mezzo principale di funzionamento delle loro attività”.

Leave a Response