S. Teresa. Villa Ragno sede dell’Unione comuni

S. TERESA. Concluso il periodo di rodaggio – caratterizzato da incontri, conferenze e mostre – l’attività di villa Crisafulli-Ragno si appresta a entrare a pieno regime. Si sta procedendo infatti alla destinazione dei vari locali che compongono l’imponente edificio. Tra le stanze della storica costruzione, che sorge sul corso Francesco Crispi, troveranno certamente spazio gli uffici di rappresentanza dell’Unione dei Comuni delle Valli Joniche dei Peloritani. In tal senso, è già stata deliberata dalla Giunta del sindaco Alberto Morabito l’assegnazione di alcuni locali al piano terra. Contestualmente, l’Unione dei Comuni sta provvedendo all’acquisto degli arredi. Sempre al primo piano dovrebbe essere ospitata la biblioteca comunale, la cui attività è oggi fortemente penalizzata dagli spazi angusti ricavati al piano terra del municipio. Probabile, inoltre, la concessione dell’intero primo piano al Polo catastale comprensoriale, costituito di recente da diciannove Comuni dell’hinterland jonico. Queste, dunque, le linee guida stilate dell’Amministrazione comunale per mettere in funzione la struttura e fare chiarezza sulle tante voci circolate negli ultimi mesi. Le polemiche su Villa Ragno non sono mai mancate. Dalla cifra pagata ai vecchi proprietari per l’acquisto – troppo “salata”, si disse – alla successiva ristrutturazione, poco “pensata” nell’ottica della sua successiva riutilizzazione. E così ci si è ritrovati con uno stanzone riadattato a sala conferenze dotato di acustica decisamente non all’altezza. Senza dimenticare il cambio di marcia obbligato sulla destinazione della biblioteca, che in un primo momento si pensò di poter trasferire al primo piano, per poi rendersi conto che i solai non avrebbero retto al peso dei libri. Rimane poi aperta la questione dell’area esterna, costituita da un giardino che si affaccia sul lungomare e che rimane ancora precluso all’accesso. Il desiderio dei cittadini è che se ne ricavi un parco pubblico, dove trascorrere momenti di relax o assistere a eventi di vario genere. Questo, comunque, dovrebbe essere l’indirizzo scelto dell’Amministrazione comunale se, come pare, in primavera nel giardino della villa avrà luogo una serie di concerti. In attesa di conferme, l’attività di Villa Crisafulli-Ragno va avanti. Domenica, nell’ambito degli appuntamenti organizzati da Archeoclub e dall’assessorato alla cultura, sarà presentato il libro di Vincenzo Pugliatti “Messina, prima e dopo il terremoto”.

Leave a Response