Controlli dei carabinieri, arresti e denunce

TAORMINA – I carabinieri della Compagnia di Taormina, al comando del capitano Domenico Albanese, hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio, con finalità di prevenzione, focalizzando l’attenzione sui reati contro il patrimonio, contro la persona e la sicurezza della circolazione stradale. I controlli hanno avuto luogo da sabato a lunedi a Taormina, Giardini Naxos, Letojanni, Mongiuffi Melia, S. Teresa di Riva e Francavilla di Sicilia ed ha visto impiegati oltre 60 militari e 20 mezzi, tra gazzelle radiomobili, stazioni dei carabinieri e uomini in abiti civili del nucleo operativo, tutti coordinati dalla centrale operativa “112”. Nel corso dell’operazione sono state denunciate tredici persone per vari reati, che vanno  dal porto abusivo di coltelli di genere vietato, alla falsificazione di tagliandi assicurativi o guida senza patente.
 I carabinieri della stazione di Antillo, nel corso di un controllo a cantieri edili, hanno denunciato due persone di 40 e 49 anni per abusivismo edilizio. I militari dell’arma di Giardini Naxos, unitamente a quelli del nucleo radiomobile, hanno deferito all’autorità giudiziaria un 51 enne di Giarre per essersi abusivamente allacciato alla rete elettrica pubblica e i carabinieri di Letojanni hanno denunciato una persona di 68 anni per omessa custodia di armi da fuoco, non avendo adottato le dovute cautele per la conservazione e la custodia di armi legalmente detenute.  Il servizio straordinario dello scorso fine settimana chiude un intenso periodo di lavoro coinciso con le festivita’ natalizie, nel corso delle quali gli uomini del capitano Albanese hanno intensificato il monitoraggio del territorio per consentire un periodo di maggiore serenita’ alle famiglie. Come è noto, infatti, con le feste si registra un picco di presenze. I carabinieri della compagnia di Taormina, nel periodo in argomento, hanno eseguito, oltre ai normali servizi di controllo del territorio, anche 4 servizi coordinati, estesi sul litorale jonico messinese e sulle valli dell’Agrò e dell’Alcantara. Hanno arrestanto otto persone (di cui 4 inflagranza di reato e 4 su ordinanza); hanno deferito all’autorità giudiziaria, complessivamente, 70 persone per vari reati, dei quali il 20% circa contro la persona (lesioni personali, percosse, minacce, violenza privata), un altro 20% per stupefacenti, il 40% per reati contro il patrimonio (furti e rapine), ed il restante 20% per falsità ideologiche o materiali (contraffazione di griffe, alterazione di contrassegni assicurativi ecc.) e di altro genere (per esempio, abusivismo edilizio o commerciale). La tutela della sicurezza stradale ha visto impegnati i carabinieri in centinaia di posti di controllo e di blocco, che hanno condotto all’accertamento di 146 infrazioni al codice della strada, di cui la gran parte per mancato allaccio delle cinture di sicurezza e mancato uso del casco protettivo, con il conseguente sequestro di numerosi autoveicoli e ciclomotori. Tuttavia, a Taormina come nel resto d’Italia, l’attenzione maggiore dell’Arma dei carabinieri è concentrata sul lavoro di prevenzione degli illeciti penali ed amministrativi.

Leave a Response