Gallodoro. Frana dimenticata, intervenga magistratura

GALLODORO – Il sindaco di Gallodoro Domenico Lo Monaco si è rivolto alla Procura della repubblica in seguito ai gravi disagi causati da una frana, nei giorni scorsi. “ Nessuno è intervenuto, nonostante la gravità della situazione venutasi a creare – ha detto il primo cittadino – .  A nulla sono valse le note ed i fax inviati dall’amministrazione comunale ai responsabili della protezione civile, alla prefettura, alla Provincia regionale di Messina, alla presidenza della regione siciliana e al dipartimento regionale della protezione civile di Palermo. A distanza di oltre una settimana dall’imponente frana – ha sottolineato il sindaco – nessuno degli enti in questione si è fatto sentire negli uffici del comune, né tanto meno hanno effettuato sopralluoghi e quanto altro si deve fare in questi casi”. La Frana, che qualche settimana fa ha bloccato per alcune ore la strada provinciale 13 che collega Gallodoro alla provinciale 11 per Letojanni e quindi alla riviera ionica, è stata praticamente ignorata, mentre i grossi massi staccatisi dal costone sono ben “parcheggiati”, dove l’impresa privata a seguito di ordinanza sindacale li ha spostati temporaneamente, a bordo della carreggiata. “Ma si sa – prosegue Lo Monaco – le cose provvisorie in Italia diventano definitive, tale provvisorio “parcheggio”, restringe la carreggiata. Magari i responsabili bene informati dell’accaduto dall’Amministrazione comunale di Gallodoro, aspettano che succeda l’irreparabile per intervenire e porre rimedio ad un rischio e pericolo che potrà avvenire da un momento all’altro”.
E a rendere ancora più precaria la stabilità del costone, vi sono le ultime piogge, che copiosamente si stanno abbattendo su tutto l’hinterland jonico.
Al fine di far sentire le proprie ragioni, l’Amministrazione comunale, ha deciso di informare di quanto accaduto la Procura della repubblica, per ricercare eventuali responsabili.

Leave a Response